Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Dai frigoriferi al tracciamento delle fiale: ecco il piano del governo per la vaccinazione anti-Covid

Immagine di copertina

Il piano del governo per la vaccinazione anti-Covid

Il prossimo 3 dicembre il ministro della Salute Roberto Speranza presenterà in parlamento il piano del governo per la vaccinazione anti-Covid: ecco alcune anticipazione del programma messo a punto dall’esecutivo. Secondo quanto svelato da La Repubblica, l’idea del governo è quella di creare un hub ogni trentamila abitanti con drive in, palestre, ospedali da campo, oltre ai medici di base e agli ospedali, dove poter vaccinare la popolazione una volta che le prime dosi del siero anti-Covid saranno arrivate. A gestire le vaccinazioni sarà il personale delle Asl, affiancato dagli uomini dell’esercito. L’esecutivo, inoltre, intende promuovere una campagna di comunicazione per sensibilizzare i cittadini alla vaccinazione e per spiegare le modalità della campagna e creare un portale dove poter seguire le dosi di vaccino e sapere dove e quanto potersi vaccinare contro il Covid.

Nonostante le critiche degli esperti, i quali parlano di “cronoprogramma in ritardo” e di mancanza di “celle frigo, siringhe, e aghi”, il governo è convinto di essere assolutamente in linea con i tempi. Il piano dell’esecutivo cambia a seconda del vaccino predisposto. Il siero elaborato dalla Pfizer, infatti, deve essere conservato a una temperatura che si aggira attorno ai -75 gradi, mentre quelli prodotti da Moderna e Astrazeneca possono essere conservati in normali celle frigorifere e sono dunque più gestibili. Secondo quanto anticipato, il Commissario straordinario Domenico Arcuri avrebbe chiesto a Pfizer di gestire direttamente la logistica con la casa farmaceutica che porterà le prime dosi di vaccino in Italia in circa cento sedi già individuate da Arcuri insieme alle Regioni.

Si tratta di centri in grado di ospitare i frigoriferi necessari a conservare il vaccino statunitense. In alcune Regioni, come ad esempio il Lazio, ne è stato già disposto l’acquisto, mentre in altre sono state individuate attrezzature già esistenti, come ad esempio i centri trasfusionali dei grandi ospedali che hanno frigoriferi in grado di raggiungere quelle temperature. In caso di necessità, però, il governo potrebbe anche requisire alcune strutture industriali. Resta da capire, e questo nodo verrà sciolto nell’incontro che le Regioni avranno lunedì 30 novembre con i rappresentati della Pfizer, se le dosi verranno consegnate già nelle siringhe, come auspica il governo, o in polvere.

Secondo Pierluigi Lopalco, assessore alla Sanità della regione Puglia, all’inizio saranno disponibili circa milione e mezzo di dosi: “Significa 150mila dosi per ciascuno dei cento hub. Un numero che siamo sicuramente in grado di gestire”. Il problema, semmai, è quando arriveranno anche le dosi degli altri due vaccini con una campagna che dovrà essere veloce e massiccia e non certo paragonabile a quella del vaccino antinfluenzale, che si è rilevata fallimentare in molte Regioni.

Leggi anche: 1. Calabria, Lombardia e Piemonte diventano arancioni da domenica. Liguria e Sicilia gialle / 2. Coronavirus, Iss: “Decrescita dei contagi ma a Natale evitate aggregazioni e spostamenti” / 3. Coronavirus, verso la chiusura dei ristoranti a Natale e Santo Stefano

4. Covid, la Svizzera apre le piste da sci: “Nessun focolaio, italiani benvenuti” / 5. Vaccino Astrazeneca, Pregliasco a TPI: “Per dire che è efficace al 90% ora servono nuovi approfondimenti” / 6. Chi è Guido Longo, il nuovo commissario alla Sanità della Calabria

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, il virologo Pregliasco: “Vacanze? Meglio starsene a casa”
Cronaca / Green pass, arriva il nuovo decreto: obbligatorio per i docenti e su navi, aerei e treni. Non per studenti e autobus
Cronaca / Anche in Germania si avvicina Green pass per ristoranti ed eventi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, il virologo Pregliasco: “Vacanze? Meglio starsene a casa”
Cronaca / Green pass, arriva il nuovo decreto: obbligatorio per i docenti e su navi, aerei e treni. Non per studenti e autobus
Cronaca / Anche in Germania si avvicina Green pass per ristoranti ed eventi
Cronaca / Immunizzato il 61,4% della popolazione italiana
Cronaca / 27 morti e 4.845 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività scende al 2,3%
Cronaca / “Neanche la terza dose basterà, dovremo farne una quarta”. L’avvertimento del prof Silvestri
Cronaca / Papeete, sequestro da 500mila euro per evasione fiscale
Cronaca / Modena, operaia di 41 anni muore incastrata in un macchinario
Cronaca / La trapper Chadia Rodríguez accusata di una rapina con lo spray al peperoncino
Cronaca / Sardegna e Sicilia rischiano la zona gialla: i ricoveri superano la soglia del 10%