Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

500 parenti delle vittime di Covid chiedono al governo di essere risarciti per gli errori commessi a inizio pandemia

Immagine di copertina

La famiglie, provenienti dalle zone più colpite dal virus durante la prima ondata, denunciano le istituzioni per l'impreparazione mostrata quando l'epidemia è esplosa in Italia. E chiedono 100 milioni di euro di danni

500 parenti delle vittime di Covid chiedono al governo di essere risarciti per gli errori commessi

Più di 500 parenti delle vittime di Covid depositeranno oggi al tribunale di Roma un atto di citazione che chiama in causa la presidenza del Consiglio dei ministri, il ministero della Salute e la Regione Lombardia per gli errori commessi e l’impreparazione mostrata quando l’epidemia è esplosa in Italia.

Le famiglie sono residenti principalmente nelle zone più colpite dal virus durante la prima ondata di Coronavirus: Bergamo, Brescia, Milano, Monza e Brianza, Como, Varese, Cremona, Lodi, ma anche Roma, Matera, Palermo, Torino o Ravenna. Quasi tutti avevano già presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Bergamo, supportati dal Comitato “NOI denunceremo – Verità e Giustizia per le vittime del Covid-19”.

Ma, come riporta il Corriere della Sera, adesso hanno deciso di passare in sede civile, e di chiedere un risarcimento danni pari a 100 milioni di euro (suddivisi in calcoli precisi per ogni famiglia). Le famiglie denunciano le istituzioni per l’impreparazione mostrata a inizio pandemia, quando il governo – secondo i parenti – ha denunciato lo stato di emergenza in ritardo e non ha ascoltato i pareri del Comitato tecnico scientifico.

Il rapporto dell’Oms sugli errori dell’Italia

Tra la sfilza di documenti che saranno depositati oggi in tribunale dalle famiglie del comitato Noi denunceremo – tra cui anche i report del Cts – ci sarà lo studio dell’ex generale Pierpaolo Lunelli sui piani pandemici, che mostra come l’Italia non disponesse di un piano pandemico aggiornato quando l’emergenza è esplosa  a gennaio 2020, e il report pubblicato il 13 maggio 2020 dai ricercatori dell’Ufficio europeo dell’Oms per gli investimenti per la salute e lo sviluppo, che ha sede a Venezia, sulla gestione dell’epidemia da parte delle autorità italiane.

Nel documento gli studiosi spiegano perché l’Italia, primo Paese occidentale colpito in modo importante dal Covid-19, avrebbe commesso una serie di errori nell’affrontare la pandemia. Ma il rapporto di cento pagine, intitolato An unprecedented challenge; Italy’s first response to COVID-19 (“Una sfida senza precedenti. La prima risposta dell’Italia al Covid-19”), è sparito dal web appena 24 ore dopo la pubblicazione.

Una vicenda che ha spinto la procura di Bergamo a convocare i funzionari Oms per la loro testimonianza e il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri a chiedere le dimissioni del segretario generale del ministero della Salute, Giuseppe Ruocco.

L’assenza di un piano pandemico aggiornato

In un’intervista del 9 dicembre al Corriere della Sera, il capo della Procura di Bergamo, Antonio Chiappani, ha confermato che l’Italia aveva un piano pandemico, ma “datato 2017 che riguarda l’influenza”, con “molte parti identiche” a quello del 2006 – redatto subito dopo la fine dell’epidemia Sars – che conteneva “delle irregolarità”. Secondo le stime di Lunelli, un piano aggiornato sulla base delle nuove linee guida Oms del 2013 e del 2017 avrebbe salvato diecimila vite.

Leggi anche: 1. Italia senza piano pandemico: l’inchiesta che fa tremare ministero della Salute e Oms 2. Piano pandemico. “Nel 2017-18 il direttore generale della Sanità informò i ministri” 3Esclusivo TPI: “Gualtieri, ma lei lo ha mai letto il Recovery Plan?”. Sintesi del vertice di governo Italia Viva-Conte; 4. Chiudiamo scuole e città ma nessuno ha il coraggio di parlare dell’obbligo vaccinale contro il Covid; 5. Variante inglese, Pregliasco a TPI: “Difficile controllarla con le misure in vigore adesso: serve lockdown rigido”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Siena: minorenne senza patente sbaglia a ingranare la marcia e travolge l’amica 16enne, che muore
Cronaca / Germania, possibili restrizioni per i non vaccinati
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Siena: minorenne senza patente sbaglia a ingranare la marcia e travolge l’amica 16enne, che muore
Cronaca / Germania, possibili restrizioni per i non vaccinati
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / L'appello di Vito Dell'Aquila: "Fate tutti il vaccino"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Cronaca / Convalidati arresti domiciliari per Adriatici: trasferito in un luogo segreto
Cronaca / Sbarchi senza sosta a Lampedusa, oltre 1.400 migranti arrivati in 3 giorni
Cronaca / Voghera, spunta un testimone: "L'assessore ha preso la mira e sparato"
Cronaca / Nelle chat dei vigili di Roma il Green Pass paragonato al nazismo: "Non faremo multe"
Cronaca / “Basta dittatura, libertà!”: manifestazioni in tutta Italia contro le nuove regole sui vaccini