Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Oscar Camps, fondatore di Open Arms, a TPI: “Il rilascio di Carola è uno schiaffo magistrale al Decreto Salvini”

Open Arms – “Credo che sia stata fatta giustizia, è evidente che ci sia una separazione ben chiara dei poteri in Italia, non come in altri paesi. Questo è uno schiaffo magistrale al Decreto di Salvini“.

Oscar Camps, fondatore di Proactiva Open Arms, commenta a TPI così la decisione del Gip di Agrigento, che non ha convalidato l’arresto della capitana della Sea Watch 3 Carola Rackete, sollevandola dalle accuse di resistenza a nave da guerra e tentato naufragio (qui avevamo spiegato cosa rischia penalmente) dopo aver forzato il blocco imposto dalle autorità italiane ed essere entrata nelle acque nazionalicon la nave della ong tedesca.

Camps, nel suo colloquio con Valerio Nicolosi, inviato di TPI a bordo di Open Arms, ha parlato anche del lavoro e degli obiettivi della Ong, che opera nel Mediterraneo per salvare vite.

“La Open Arms naviga nel Mediterraneo centrale, rispettando rigorosamente il diritto marittimo. La nostra missione, qui, è essere vigili e rispettare i diritti umani e il principio fondamentale, che è la vita”.

“L’impennata bellica e violenta che c’è in questo momento in Libia comporta partenze massive da quel paese – ha aggiunto Camps – Quello che non vogliamo è leggere notizie di una barca con 300 persone a bordo che naufraga”.

“Né Frontex né ne nave dell’operazione Sophia intervengono. Non possiamo confidare nei media e nella Guardia costiera libica, che ha come missione quella di catturare e riportare le persone in un paese ‘gabbia’ come è in questo momento la Libia”, ha concluso il fondatore di Proactiva Open Arms.

TPI a bordo di Open Arms: la Tunisia respinge i migranti con il benestare di Italia e Malta

Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 4

Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 3

Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 2

Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 1 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%