Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Carola Rackete arrestata: cosa rischia la capitana della Sea Watch

 

Carola Rackete, la capitana della Sea Watch 3, è stata arrestata all’alba di sabato 29 giugno dopo aver fatto attraccare la nave al porto di Lampedusa nonostante l’alt imposto dalle autorità italiane.

Rackete è scesa dall’imbarcazione accompagnata da agenti della Guardia di Finanza, circondata da fischi e applausi provenienti dalla banchina [il video].

La 31enne tedesca [chi è] è stata arrestata con l’accusa di “resistenza o violenza contro nave da guerra”, ma le potrebbe essere contestato anche il reato di tentato naufragio a proposito della complessa manovra di attracco, nella quale ha rischiato di travolgere una motovedetta delle Fiamme Gialle.

“Le ragioni umanitarie non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti”, ha commentato il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio.

La Procura ha chiesto gli arresti domiciliari per la capitana, che ha indicato come domicilio in cui scontare la misura cautelare un’abitazione a Lampedusa. Entro 48 ore la Procura agrigentina dovrà chiedere al Giudice per le indagini preliminari la convalida dell’arresto.

Il Gip avrà poi altre 48 ore per fissare l’udienza, che si terrà ad Agrigento, in cui si dovrà decidere se convalidare o meno il provvedimento. Secondo quanto si apprende, a differenza di quanto emerso in una prima fase, Carola Rackete non verrà processata per direttissima: il procedimento seguirà le vie ordinarie.

La capitana è accusata di aver violato l’articolo 1100 del Codice della navigazione, che prevede una pena compresa fra i 3 e i 10 anni di reclusione. Ma le viene contestato anche il reato di tentato naufragio, previsto dagli articoli 110 e 428 del Codice penale, e sanzionato con la pena massima di 12 anni.

La Procura, nelle prossime ore, valuterà anche se ci sono profili di reato nella condotta dell’equipaggio della nave. Nessuna responsabilità è invece configurabile per i parlamentari che sono a bordo della Sea Watch.

Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi