Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

Omicidio Willy, fratelli Bianchi in isolamento per evitare vendette in carcere

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 13 Set. 2020 alle 14:21 Aggiornato il 13 Set. 2020 alle 20:17
937
Immagine di copertina
Uno dei fratelli Bianchi Credits: ANSA

Minacce di morte e un’ondata di odio sui familiari di Gabriele e Marco Bianchi per l’uccisione di Willy Monteiro Duarte arrivano anche in carcere: così i due fratelli di Artena saranno messi in isolamento a loro tutela per evitare contatti con gli altri detenuti.  La richiesta è arrivata dall’avvocato Massimiliano Pica con parere favorevole anche della direzione di Rebibbia.

Una situazione nella quale già si trovano entrambi assieme al presunto complice Mario Picarelli per le norme anti Covid, secondo le quali ogni nuovo detenuto “sconta” 15 giorni quarantena al suo ingresso nel peniteziario prima di entrare nel regime ordinario. Una misura che per i due fratelli, accusati in concorso di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, verrà ora prolungata.

Tra le infinite minacce arrivate ai presunti assassini e ai loro parenti senza distinzione, soprattutto sui social, c’è stato anche chi gli “augurava” di trovare in carcere un trattamento analogo a quello da loro riservato a Willy. “Ci sono categorie in un certo senso a rischio secondo il codice del carcere — spiega il garante dei Detenuti del Lazio, Stefano Anastasia — stupratori, rappresentanti delle forze dell’ordine, autori di reati contro i minori o con particolare eco mediatica come in questo caso che non sono accettati dagli altri detenuti, anzi. La misura di isolamento a loro tutela mi sembra ragionevole”.

Intanto, le indagini proseguono con l’ascolto di testimoni e l’analisi dei telefoni, dell’auto e dei vestiti degli indagati per definire meglio le proprie singole responsabilità, in settimana la posizione dei quattro sarà sottoposta al vaglio del tribunale del Riesame.

Tutti gli approfondimenti di TPI sull’aggressione di Colleferro: 1. LA CRONACA: 21enne interviene per difendere un amico: massacrato a morte dal branco / 2. LA RICOSTRUZIONE: “Vi prego basta, non respiro più, così è morto Willy / 3. LA BIO: “Sognava di diventare come Totti”: chi era Willy / 4. I PROFILI: Dal culto per le arti marziali ai precedenti per spaccio: chi sono gli aggressori di Willy Monteiro / 5. LE INDAGINI: Colleferro, tre arrestati restano in carcere: Belleggia va ai domiciliari

6. Caso Willy, meno male che non lo avevate nemmeno toccato: l’autopsia rivela lesioni multiple sul suo corpo / 7. IL DETTAGLIO: Uno degli aggressori di Willy Monteiro insegnava arti marziali ai bambini / 8. LE OPINIONI: Willy ha pagato lo scotto più atroce, ma la sua morte può cambiare la percezione del razzismo in Italia (di G. Cavalli) / 9. Quel gesto vigliacco e codardo: infierire sul corpo di Willy quando era già in terra (di Lara Tomasetta) / 10. LA TESTIMONIANZA: “Per noi era come un figlio, sarebbe diventato un bravo chef”: parla il direttore dell’hotel dove lavorava Willy

937
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.