Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

Chiude una delle cinque terapie intensive al Niguarda: la gioia di medici e infermieri | VIDEO

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 19 Apr. 2020 alle 15:31
2.7k

« E’ un piccolo passo, ma importantissimo. L’emergenza non è terminata e non possiamo assolutamente abbassare la guardia. Ma una prima buona notizia c’è». – dalla pagina Instagram del Niguarda.

Letti finalmente vuoti. Macchinari fermi e spenti. Infermieri e medici liberi. In piena emergenza Coronavirus c’è una buona notizia, che arriva dal Niguarda di Milano, uno degli ospedali da settimane in prima linea nella lotta contro il Covid. Da domenica, infatti, la struttura meneghina potrà chiudere una delle terapie intensive che erano state allestite da zero per recuperare posti letto e che, finalmente, è vuota.

Queste le parole di descrizione del video postato sui social dall’ospedale Niguarda: “E’ un piccolo passo, ma importantissimo. L’emergenza non è terminata e non possiamo assolutamente abbassare la guardia. Ma una prima buona notizia c’è. Il calo degli ultimi giorni di nuovi pazienti positivi ci ha permesso di chiudere una delle 5 terapie intensive che in questi due mesi abbiamo dovuto aprire per l’assistenza dei malati Covid. 27 posti letto che fino a pochi giorni fa avevano accolto pazienti in condizioni gravissime a causa del virus, sono ormai vuoti. Adesso il reparto verrà riorganizzato e sanificato per poter ripartire! E alla fine… la gioia di chi, negli ultimi 50 giorni, ha lavorato in questo reparto con tantissima dedizione, professionalità, responsabilità e sensibilità… grazie!”.

Leggi anche:

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

1. ESCLUSIVO TPI – Parla la gola profonda dell’ospedale di Alzano: “Ordini dall’alto per rimanere aperti coi pazienti Covid stipati nei corridoi” /2.“Chiudere solo Codogno non è stato sufficiente, eravamo tutti concentrati su quello, ma i buoi erano già scappati dal recinto”: parla Rezza (ISS)

3.Contagio Coronavirus all’ospedale di Alzano: dopo l’inchiesta di TPI la Procura di Bergamo indaga per epidemia colposa /4. Lazio, 129 contagiati al Nomentana Hospital di Fonte Nuova: “Hanno spostato qui il focolaio di Nerola”

5. Calderoli a TPI: “La mancata zona rossa ad Alzano e Nembro ha determinato il disastro di così tante vittime in Italia”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

2.7k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.