Covid ultime 24h
casi +16.424
deceduti +318
tamponi +340.247
terapie intensive +11

A Natale e Capodanno non si potrà uscire dal proprio Comune, nessuna deroga per i ricongiungimenti: le regole in arrivo

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 2 Dic. 2020 alle 07:40 Aggiornato il 2 Dic. 2020 alle 10:24
1.7k
Immagine di copertina

Le contrattazioni tra governo, comitato tecnico-scientifico, Regioni e partiti sul piano per le festività natalizie vanno avanti in modo serrato. Domani, 3 dicembre, è il giorno del nuovo Dpcm e si devono definire tutte le misure per contenere il contagio in un periodo delicato come questo. A pesare sono ancora i numeri, che non possono non essere tenuti in considerazione. Ieri si sono registrati ancora 785 morti. E così, se da un lato il premier Conte preme per allentare la stretta almeno nelle date più simboliche, dall’altro gli esperti tirano le briglie: mollare adesso significa avere una terza ondata a febbraio, peggiore delle precedenti.

Ecco dunque alcune novità emerse nelle ultime ore di contrattazione del lungo vertice di Palazzo Chigi tra Giuseppe Conte e i capidelegazione di maggioranza.

• Vietato spostarsi dal proprio Comune di residenza il 25 e il 26 dicembre;

• Vietati gli spostamenti tra le regioni, anche quelle in fascia gialla, dal 20 dicembre al 6 gennaio;

• Confermato il coprifuoco dalle 22 alle 6 anche nelle sere di Natale e Capodanno;

• Nessuna deroga per seconde case e ricongiungimenti familiari: impossibile raggiungere le seconde case, vietato viaggiare per ricongiungersi con i familiari nei luoghi in cui non si è residenti;

• Gli impianti sciistici resteranno chiusi. Sugli alberghi di montagna, invece, è ancora aperta la discussione nel governo;

• Messe consentite e inizieranno entro le 20;

• I ristoranti resteranno chiusi dalle 18, con asporto e delivery consentiti nelle ore successive. Ma a Natale e Santo Stefano, su insistenza di Renzi, resteranno aperti a pranzo, con il limite dei quattro commensali.

La norma sugli spostamenti interregionali – e le altre regole che riguardano le feste – sarà probabilmente ospitata in un decreto legge, che entrerà in vigore il 21 dicembre e varrà fino al 7 gennaio. Una cautela dell’esecutivo, per rafforzare il quadro normativo di limiti che intaccano la libertà di movimento. Il resto delle decisioni, a partire dal coprifuoco, entreranno invece nel nuovo Dpcm del 4 dicembre, fino al 15 gennaio. Il governo preferisce infatti valutare l’effetto del Natale prima di procedere a nuovi allentamenti.

Per le scuole è ancora tutto da decidere: il premier insiste per riaprire il 14 dicembre le superiori, “sarebbe un bel segnale”. Ma il nodo sarà sciolto oggi. Probabile che le lezioni in presenza riprendano l’11 gennaio.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: Poste Italiane, 9 dipendenti positivi a Sesto Fiorentino. “Niente tamponi, costretti a lavorare con la febbre” /2. Le imprese fermarono la zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro: anche il New York Times da ragione all’inchiesta di TPI /3. L’antropologo dell’Aquila: “I virologi che minimizzano il Covid sono come quegli esperti che nel 2009 rassicurarono sul terremoto” (di Selvaggia Lucarelli)

4. Brusaferro (Iss): “Epidemia Covid durerà ancora un anno e mezzo” /5. Locatelli: “Si vede la luce, a fine estate saremo fuori da questo incubo. Con 6-7mila casi al giorno si potranno allentare le restrizioni”/6. Ricciardi: “Ci vorranno anni per tornare alla normalità. Noi scienziati possiamo dirlo, i politici no”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

1.7k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.