Maturità, la ministra Azzolina conferma: sarà in presenza e in sicurezza

La ministra dell’Istruzione ha presentato le ordinanze degli esami di Stato. Non ci sarà il 6 politico e si potrà non ammettere a seguito di provvedimenti disciplinari gravi a carico dello studente, o per altri rari casi che comunque prevedono l’unanimità del consiglio di classe. Stesse regole varranno anche per il passaggio di anno

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 16 Mag. 2020 alle 13:24 Aggiornato il 16 Mag. 2020 alle 14:36
43
Immagine di copertina
La ministra Azzolina Credits: ANSA

La maturità 2020 sarà davvero particolare a causa del Coronavirus. A un mese dall’avvio degli esami, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina conferma: “I test saranno in presenza perché sono un momento importantissimo”. Durante la conferenza stampa di presentazione, sabato 16 maggio, la ministra ha spiegato che le prove inizieranno dal 17 giugno e non prevederanno i classici tre scritti: solo un esame orale, della durata massima di un’ora. Per le pagelle di fine anno, niente bocciature tranne poche eccezioni, come gravi provvedimenti disciplinari. Ma per tutti, sottolinea la ministra, ci sarà una “valutazione seria” e possibilità di recuperare le insufficienze a settembre.

Maturità 2020: orale di un’ora (ma senza mascherina)

In conferenza stampa Azzolina ha spiegato più nel dettaglio come si svolgerà l’esame di stato dopo il lockdown: i maturandi partiranno da un loro elaborato, poi verrà loro sottoposto un testo di italiano e materiali preparati dalla commissione sulle altre discipline. Previsti almeno due metri tra studente e professori: la distanza permetterà quindi al maturando di abbassare la mascherina per parlare. Lo studente però dovrà entrare a scuola con la mascherina e tenerla indosso fino al momento dell’ingresso nell’aula, che avverrà in modo scaglionato. Non si potrà entrare prima, e gli amici non potranno aspettare in gruppo in corridoio, come tradizionalmente avviene. La prova orale dovrà durare in tutto un’ora e verrà valutata con un massimo di 40 punti su 100, che andranno a integrare il rendimento degli anni. I commissari saranno tutti interni. Scompare quindi la figura di un presidente di commissione esterno, com’era stato annunciato in un primo momento.

Pagelle: “Valutazione seria”

Bocciature possibili, dunque, ma “solo in casi molto circoscritti“, come i provvedimenti disciplinari gravi o per altri rari casi che comunque prevedono l’unanimità del consiglio di classe. Per esempio, se lo studente era assente a troppe lezioni già prima dell’epidemia di Coronavirus. Per tutti gli altri promozione assicurata, ma ci sarà una “valutazione seria” dell’andamento scolastico, ma rimandata a settembre: “È stato un anno diverso per tutti. Nessuno studente doveva essere lasciato indietro. Ma serve una valutazione seria. Le insufficienze saranno presenti nei documenti”. Nessun sei politico, sottolinea, con una formula ripetuta più volte nelle scorse settimane. Se i voti sono sotto la sufficienza lo studente avrà la possibilità (e il diritto) di recuperare a settembre.

Scuola in sicurezza

Nel corso della stessa conferenza stampa la ministra ha anche parlato della strategia seguita in questi mesi: “Sarebbe stato più facile riaprire le scuole – ha detto – ma abbiamo agito con prudenza“. Presenti anche Agostino Miozzo e il professor Alberto Villani (Società Italiana Pediatria) per illustrare il documento stilato dal Comitato tecnico-scientifico sullo svolgimento degli esami in presenza. “Tenere le scuole chiuse – ha aggiunto – ci ha permesso di salvare vite umane, ha evitato il dilagare del contagio”.

Leggi anche: 1. Il prof Zangrillo a TPI: “Il Cts sbaglia e i virologi non capiscono, per le riaperture serve buonsenso, così è assurdo” / 2. Clementi a TPI: “Il virus non è più aggressivo, è un dato di fatto. Ma certi altri virologi ragionano con gli algoritmi” / 3. Vespignani a TPI: “I virologi italiani non hanno capito nulla, per sconfiggere il virus servono le 3T”

4. Massimo Galli a TPI: “La notte del paziente 1 ho sbagliato anche io” / 5. Il virologo Tarro a TPI: “Il lockdown non ha senso, il caldo e il plasma dei guariti possono fermare il Covid” / 6. Cosa significa concretamente che ora braccianti, colf e badanti verranno regolarizzati

7. “E poi ci sono gli artisti, che ci fanno tanto divertire”. Conte, le parole sono importanti / 8. “Positiva al Covid dopo 95 giorni e 4 tamponi. Ma lo Stato non ha una strategia per me: sono solo un’appestata” / 9. La seconda ondata colpisce i giovani: a Seul il 75% dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

43
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.