Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Chi era Malak, giovane promessa del judo morta a Massa insieme alla sorellina di due anni

Immagine di copertina
Malak Lassiri, 14 anni. Credit: Instagram

Chi era Malak, giovane promessa del judo morta a Massa insieme alla sorellina di due anni

Era la prima volta che passavano le vacanze in Italia. Di solito tornavano sempre i Marocco, Fatima e Hicham Lassiri e i loro figli. Ma quest’anno no. C’è il Coronavirus, e anche i soldi non sono tantissimi. Decidono di andare in Toscana, a Marina di Massa, 10 minuti da Forte dei Marmi in quel campeggio dove, stamattina, le forte raffiche di vento hanno abbattuto un albero sulla loro tenda. La stessa in cui Malak, 14 anni, e Jannat, 2 emmezzo dormivano. Jannat è morta sul colpo. Malak è stata trasportata d’urgenza all’ospedale ma non ce l’ha fatta.

Giovane promessa del judo Malak era iscritta alla scuola del maestro scuola Jigoro Kano, in via Valdellatorre a Torino, dove la ragazza viveva con la famiglia. Aveva ottenuto diversi riconoscimenti nella sua categoria e il suo sogno era quello di seguire le orme della sorella più grande, 19 anni, qualificata alle competizioni giovanili regionali di judo con la stessa società sportiva.

Fatima e Hicham hanno altri due figli, di 19 e nove anni. Anche loro erano con la famiglia nel campeggio Verde mare del litorale toscano. “Non sapevamo fossero andati in Toscana” hanno detto i vicini di casa della famiglia Lassiri a Torino, sconvolti dalla tragedia. “Andavano sempre solo in Marocco. Partivano a metà luglio andavano dai parenti in Francia e poi a casa in Marocco”. Ma quest’anno il Covid ha cambiato i loro piani, e un destino crudele ha segnato le loro vite per sempre.

Nel pomeriggio è arrivato il messaggio di cordoglio della sindaca di Torino Chiara Appendino. “Erano nostre concittadine le sorelle di 3 e 14 anni, morte in campeggio a Marina di Massa in seguito alla caduta di un albero. Una tragedia che lascia scossa tutta la nostra comunità, a nome della quale esprimo profonda vicinanza alla famiglia”. Molti amici e vicini da Torino sono partiti per raggiungere la famiglia a Marina di Massa.

Leggi anche: 1.Consigliere regionale aggredito a Napoli: Borrelli pestato fuori dall’ospedale San Giovanni Bosco/2.Violento nubrifagio a Milano: cadono alberi, divelto il tetto di una Rsa

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Cronaca / Covid, intera famiglia stroncata dal virus: non erano vaccinati
Cronaca / No vax pentito scrive un libro: “Ho creduto di morire, spero di convincere i dubbiosi”
Cronaca / Fabio Fazio contro i no vax: “Disinformazione riempie ospedali, non si può dare spazio”
Cronaca / Bassetti: “Tutti prenderanno la variante Omicron entro l’inizio dell’estate”
Cronaca / Melandri scaricato da uno sponsor dopo le dichiarazioni sul Covid: “Prendiamo le distanze”
Cronaca / La previsione del capo di Pfizer: “L’attuale ondata di Covid-19 sarà l’ultima con le restrizioni”
Cronaca / Covid, il consulente di Figliuolo “boccia” la quarta dose: “Ora non serve, ci salva le memoria immunitaria”