Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Violento nubrifagio a Milano: cadono alberi, divelto il tetto di una Rsa

Di Luca Serafini
Pubblicato il 29 Ago. 2020 alle 11:00
67
Immagine di copertina
Credit: Ansa

Un violento temporale ha colpito Milano nella serata di ieri e in nottata, provocando danni in particolare nei quartieri a nord della città, come zona 8. Vento e pioggia hanno scoperchiato il tetto della Rsa “Pastor Angelicurs” di via Arsia, di conseguenza la strada è stata chiusa: traffico e mezzi pubblici sono stati deviati. Il lavoro dei soccorritori è andato avanti parecchie ore, per spostare le lamiere del tetto della residenza per anziani, che erano crollate sulle auto parcheggiate in strada, fortunatamente senza provocare feriti. Nel frattempo si è provveduto a trasferire le persone ricoverate nel centro, in altre strutture. In base a quanto riportato dall’assessore di municipio Fabio Galesi, la potenza del temporale ha divelto i cartelloni e i segnali di fronte all’ospedale Sacco. Disagi anche in via Lagarina dove molti alberi sono crollati tagliando la strada in due.

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, i tecnici di Mm (società che gestisce le condotte idriche di Milano), A2A (elettricità) e la protezione civile. Allagato pure il sottopasso di via Cogne, di fatto inutilizzabile per parecchie pre. Sono rimaste al buio invece via de Pisis, via Castellammare e via Lessona. La polizia locale è intervenuta nel parco di villa Scheibler per delimitare le aree rischio crolli: molte piante e alberi grandi, sono stati spezzati praticamente a metà dalla tempesta. Sul posto sono arrivati, oltre alle forze dell’ordine, gli assessori del municipio di zona 8 e quelli del confinante comune di Baranzate.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI – Focolaio nella Rsa Quarenghi di Milano: “10 anziani positivi respinti dagli ospedali per mancanza di posti” / 2. Covid, l’associazione delle Rsa: “Temiamo una nuova ondata, servono screening” 

67
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.