Ilaria Cucchi pronta a querelare Matteo Salvini: “Mio fratello Stefano non è morto per la droga”

La sorella di Stefano Cucchi ha dichiarato che il leader della Lega: "Perde sempre l'occasione per stare zitto"

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 15 Nov. 2019 alle 11:15 Aggiornato il 15 Nov. 2019 alle 12:00
30k
Immagine di copertina

Ilaria Cucchi valuta querela nei confronti di Matteo Salvini: “Stefano non è morto di droga”

Ilaria Cucchi sta pensando di presentare una querela nei confronti di Matteo Salvini dopo le parole del leader della Lega, che nella giornata di ieri, giovedì 14 novembre, aveva commentato la sentenza di condanna dei due carabinieri, ritenuti responsabili del pestaggio di Stefano Cucchi, affermando che “Questo testimonia che la droga fa male sempre e, comunque”.

“Che c’entra la droga? Salvini perde sempre l’occasione per stare zitto” ha dichiarato questa mattina a Radio Capital la sorella di Stefano Cucchi, svelando anche di essere intenzionata a querelare l’ex ministro della Lega.

Caso Cucchi, Salvini non si scusa: “Contro lo spaccio di droga sempre e comunque” | VIDEO

“Anch’io da madre sono contro la droga, ma Stefano non è morto di droga” ha poi affermato Ilaria Cucchi.

Tutte le notizie relative al caso Cucchi

Le dichiarazioni di Ilaria Cucchi arrivano l’indomani la condanna dei due carabinieri Alessio Di Bernardo (qui il suo profilo) e Raffaele D’Alessandro (qui il suo profilo), considerati responsabili del pestaggio di Stefano Cucchi, deceduto dieci anni fa dopo essere stato posto in stato di fermo perché trovato in possesso di alcune sostanze stupefacenti.

Caso Cucchi, condannati i carabinieri accusati del pestaggio: 12 anni per Di Bernardo e D’Alessandro

La polemica tra i due va avanti da diversi anni, ovvero da quando Salvini dichiarò: “Si dovrebbe vergognare, fa schifo” in reazione a una critica, mossa da Ilaria, ad uno dei carabinieri coinvolti nel caso.

Caso Stefano Cucchi, quando Salvini diceva: “La sorella si dovrebbe vergognare, fa schifo”

Una frase che anni dopo l’ex ministro della Lega ha smentito affermando che non era rivolta nei confronti di Ilaria Cucchi.

Il baciamano del carabiniere a Ilaria Cucchi dopo la sentenza

Cucchi è morto sotto le botte e la verità è stata violentata. Ma dopo 10 anni è arrivato il tempo della giustizia (di G. Cavalli)

30k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.