Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Green pass obbligatorio per bar e ristoranti? Cassese e Flick: “Non limita alcuna libertà personale”

Immagine di copertina
Una ricostruzione grafica del Green Pass, il certificato digitale Covid dell'UE, davanti un ristorante, Roma, 16 luglio 2021. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

I due costituzionalisti, interpellati dal Giornale, escludono profili di illegittimità della norma che il governo si appresta a varare

Il green pass obbligatorio per entrare nei locali o per prendere i mezzi di trasporto non limiterebbe alcuna libertà, perché le esigenze di un paese vengono prima delle scelte dei singoli. A sostenerlo sono i costituzionalisti Giovanni Maria Flick e Sabino Cassese, interpellati dal giornalista Luca Fazzo per Il Giornale. Sul tema delle nuove norme anti-Covid che il governo si appresta a varare infuria il dibattito politico, con la Lega e Fratelli d’Italia che si dicono contrari.

Secondo Cassese, i principi costituzionali non impedirebbero neanche la scelta più radicale, ovvero l’imposizione dell’obbligo del vaccino a tutti gli italiani: “L’articolo 32 dice che nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario se non per disposizioni di legge”, ha spiegato. Ciò dimostra che la previsione per legge di un trattamento obbligatorio è contemplata dal nostro ordinamento, come avvenuto dal 2017 per le vaccinazioni obbligatorie per i minori di sedici anni. “Per rendere obbligatoria anche la vaccinazione Covid servirebbe una norma apposta, un atto con forza di legge. E io ritengo che ben potrebbe il governo intervenire in questo modo”, specifica Cassese.

Anche Giovanni Maria Flick esclude che il green pass obbligatorio sia una compressione illegittima della libertà individuale. “Niente affatto”, dice. “Divieti simili sarebbero una sanzione meno afflittiva del carcere o di una multa, e probabilmente ancora più efficace. Gli unici criteri che il nostro ordinamento impone per sanzioni di questo genere sono la ragionevolezza e la proporzionalità. E sfido chiunque a sostenere che simili restrizioni siano irragionevoli o sproporzionate di fronte all’esigenza di portare il paese fuori dalla pandemia. Non vuoi vaccinarti? Vai a piedi e mangi a casa tua“.

Ma se, come sembra, l’intenzione del governo non è quella di imporre un obbligo vaccinale generalizzato, sarebbe possibile prevederlo solo per alcune categorie, come quella degli insegnanti? “Sì, non c’è dubbio. Altrimenti si rischia il paradosso: mens sana in corpore infirmo”, è la risposta di Cassese.

“Basta leggere il primo comma dell’articolo 32 della Costituzione: che tutela la salute non solo come ‘fondamentale diritto dell’individuo’ ma anche come ‘interesse della collettività’.”, spiega Flick. “È ovvio che il contenimento della pandemia che stiamo tuttora attraversando è un interesse essenziale della collettività nazionale. E tutti sono obbligati a fare la loro parte. La Costituzione stabilisce dei diritti ma anche dei doveri. Articolo 2: ‘adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale’. Vaccinarsi oggi è uno di questi”. Il costituzionalista aggiunge che: “L’unica ipotesi davanti a cui l’obbligo di solidarietà viene meno può essere quello di patologie accertate incompatibili con la somministrazione”.

Leggi anche: 1. Covid, casi triplicati in una sola settimana. Di chi è la responsabilità? /2. Il muro invisibile del Green Pass (di S. Mentana) /3. Burioni: “A ottobre richiuderemo tutto per difendere la libertà di non vaccinarsi degli egoisti e degli ignoranti”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari
Cronaca / 6.171 casi e 19 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività 2,7%
Cronaca / “Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna. La situazione peggiora”: Zaki scrive dal carcere
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari
Cronaca / 6.171 casi e 19 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività 2,7%
Cronaca / “Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna. La situazione peggiora”: Zaki scrive dal carcere
Cronaca / “Siamo nella quarta ondata di Covid, aumentano i morti”: i dati della Fondazione Gimbe
Cronaca / Pfizer: dopo 6 mesi vaccino meno efficace. Si avvicina la terza dose
Cronaca / Il 58,12% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Sileri: "Sollecitato provvedimento per terza dose ai fragili"
Cronaca / Pescara, 51enne sequestrata e seviziata nello sgabuzzino del palazzo: è caccia all’uomo
Cronaca / Roma, vicino lo sgombero di Casapound: Raggi annuncia “novità”
Cronaca / Migranti, crisi in Tunisia può aumentare gli sbarchi. Procuratore antimafia segnala “rischio terrorismo”