Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Fontana sostituisce il direttore generale della sanità lombarda. E anche Gallera ora rischia il posto

Immagine di copertina

Al posto di Luigi Cajazzo arriva Marco Trivelli, che proviene dall'ospedale di Brescia. Sempre più probabile un rimpasto in Giunta

Travolta dalle polemiche, Regione Lombardia tenta un’inversione a U: nuove regole sulle RSA e avvicendamento alla direzione della sanità

Ieri, 9 giugno, la Giunta regionale lombarda ha approvato una delibera sugli indirizzi da adottare in ambito sociosanitario, in seguito alla fine della fase-1 dell’epidemia. Il provvedimento riapre le case di riposo, ma l’assessore al Welfare Giulio Gallera spiega come ciò avverrà con precauzioni decisamente diverse dal recente passato: “Nessun positivo verrà collocato all’interno di una RSA, ma verrà invece messo in una struttura sanitaria. A qualunque anziano che vorrà entrare in una RSA verrà fatto a domicilio sia il test sierologico che il tampone. Ci sono poi alcune regole previste dall’Istituto Superiore di Sanità come il Covid manager, la formazione del personale e l’attenzione alle protezioni necessarie”.

Una netta inversione di rotta rispetto alle precedenti scelte della Giunta lombarda e in particolare dalla famigerata delibera dell’8 marzo scorso, che ha individuato proprio nelle RSA – seppure in presenza di certe condizioni di sicurezza – dei luoghi dove collocare i pazienti dimessi dalla terapia intensiva. Tuttavia, Gallera sostiene tuttora che tale delibera “sia stata fondamentale. Ci ha consentito di arginare la diffusione del virus, di dare delle risposte e di liberare posti letto negli ospedali”.

L’assessore di Forza Italia ha inoltre prospettato quel rafforzamento della medicina territoriale lungamente richiesto dai professionisti del settore, spiegando che ci sono “risorse nuove” e che il tavolo istituito con l’ordine dei medici e quello degli infermieri sia “il luogo giusto per incubare un elemento di evoluzione anche della legge 23/2015“, della quale, va ricordato, sta per andare in scadenza il periodo di sperimentazione.

Sono tuttora persistenti, tuttavia, i rumors riguardanti un possibile avvicendamento di Gallera, che potrebbe quindi uscire presto dalla Giunta regionale (come peraltro già riferito da TPI nei giorni scorsi). Una conferma seppure indiretta di questo orientamento arriva anche dal clamoroso cambio nel delicato ruolo di direttore generale della Sanità lombarda: Luigi Cajazzo (che era stato attaccato insieme a Gallera da una sorta di “mozione di sfiducia” presentata dal PD nei confronti della gestione complessiva del tema) è stato sostituito da Marco Trivelli.

Classe ’56, Trivelli viene dall’Ospedale di Brescia e ha una lunga esperienza nel management sanitario. Laureato in economia aziendale alla Bocconi nel 1989, dopo aver lavorato come consulente per aziende private e pubbliche, a partire dagli anni Duemila ha svolto diversi incarichi dirigenziali, tra cui quelli al Niguarda e al Sacco, noti ospedali milanesi.

Cajazzo sarebbe in procinto di assumere il ruolo di vicesegretario generale della Regione, con delega alla Sanità. Un ruolo che, secondo le indiscrezioni di Ansa raccolte presso “ambienti vicini” all’ormai ex d.g., sarebbe accolto come “segno del riconoscimento per quanto sin qui fatto, con professionalità e spirito di abnegazione encomiabile”.

In tema di sanità, la Lombardia ha approvato la creazione di “Pancreas Unit”, ovvero strutture specializzate per la cura del tumore al pancreas, con un voto unanime da parte del Consiglio regionale. Il vicepresidente Carlo Borghetti (PD) commenta così la scelta: “Bene la creazione di Pancreas Unit, ma ora ci si attivi per altre patologie per cui sia utile identificare centri di riferimento, indicatori di esito e risorse ad hoc. E’ ormai evidente che la cura di patologie complesse, e ancora oggi di difficile esito, come le neoplasie al pancreas, necessiti di strutture dedicate che migliorano gli esiti degli interventi e, nello stesso tempo, ottimizzano l’utilizzo delle risorse regionali, come è già stato dimostrato con la creazione delle Breast Unit per il tumore al seno. Per questo abbiamo votato convintamente a favore della istituzione delle Pancreas Unit in Lombardia”.

L’inchiesta di TPI sulla mancata chiusura della Val Seriana per punti:

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, riapre il Cinema Troisi. Franceschini. “Una festa per tutti”. Piccolo America: “Lavoriamo giorno e notte”
Cronaca / Moncalieri, fanno sesso su un prato in un luogo pubblico: lei viene multata per 10mila euro, lui no
Cronaca / Covid, oggi 7.852 casi e 262 morti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, riapre il Cinema Troisi. Franceschini. “Una festa per tutti”. Piccolo America: “Lavoriamo giorno e notte”
Cronaca / Moncalieri, fanno sesso su un prato in un luogo pubblico: lei viene multata per 10mila euro, lui no
Cronaca / Covid, oggi 7.852 casi e 262 morti
Cronaca / Caos vaccini: Pfizer smentisce Figliuolo, ma Cts ed Ema danno ragione al generale
Cronaca / Il figlio di Costacurta e Colombari: “Sono stato picchiato dalla polizia, mi hanno perforato un timpano”
Cronaca / Turismo vaccinale a San Marino da lunedì 17 maggio: “50 euro per la doppia dose di Sputnik”
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Cronaca / Napoli, carabiniere prende a calci un ragazzo che aveva violato il coprifuoco
Cronaca / La moglie di Beppe Grillo: "Quella notte non ho sentito nulla di anomalo"
Cronaca / “All’inizio sembrava che non volesse”: le chat di Ciro Grillo e gli amici accusati di stupro