Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il comune di Napoli querela Feltri e Giordano per istigazione all’odio razziale

Immagine di copertina
Il direttore di Libero, Vittorio Feltri, e il conduttore di Rete 4 Mario Giordano

Il comune di Napoli querela Feltri e Giordano per istigazione all’odio razziale

Dopo la frase contro i meridionali pronunciata da Vittorio Feltri durante il programma “Fuori dal coro”, per il direttore di Libero è arrivata la querela, rivolta anche al conduttore del programma di Mediaset che ha ospitato lo show, Mario Giordano. A firmarla il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. I reati contestati sono diffamazione a mezzo stampa, aggravata dall’odio razziale, e istigazione all’odio razziale. Il sindaco, per conto del Comune di Napoli, quale persona offesa, ha nominato difensori gli avvocati dell’Amministrazione partenopea, Fabio Maria Ferrari e Marco Buzzo.

“Molta gente è nutrita da un sentimento di invidia o di rabbia nei nostri confronti perché ha un complesso di inferiorità. Io non credo ai complessi di inferiorità, credo semplicemente che i meridionali in molti casi siano inferiori“, aveva detto il direttore di Libero, riferendosi alle critiche mosse alla Regione Lombardia per il modo in cui  ha gestito l’epidemia di Coronavirus.

In alcuni recenti tweet il direttore di Libero aveva chiarito che le sue parole si riferivano all’oggettiva superiorità di reddito dei settentrionali rispetto ai meridionali, che nulla ha a che vedere con quella intellettuale. Ma questo non è bastato a placare le critiche di migliaia di persone, che hanno espresso la propria indignazione non solo sul web. Alcuni edicolanti del sud hanno interrotto la vendita del quotidiano diretto da Feltri, e l’Ordine dei Giornalisti si è mosso per dissociarsi dalle sue parole in nome della categoria. Il presidente dell’Ordine, Carlo Verna, aveva inviato una lettera di “scuse” proprio al sindaco di Napoli, e annunciato l’avvio di un’azione legale contro Feltri dopo che, insieme all’Agcom, aveva diffidato i conduttori tv dall’ospitare nuovamente il direttore del quotidiano.

Leggi anche:

1. Cosenza, edicola smette di vendere Libero dopo la frase di Feltri sui meridionali / 2. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti: “Azione legale contro Feltri per difendere la categoria”

3. Feltri dice che “i meridionali sono inferiori” per coprire gli errori lombardi / 4. Il triste declino di Vittorio Feltri: da erede di Indro Montanelli a provocatore pro-Salvini (di F. Bagnasco)

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil