Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Dl Natale, da oggi i primi divieti: stop agli spostamenti tra Regioni. Quarantena per rientri dall’estero

Immagine di copertina
Decorazioni e mascherine Credits: ANSA

Entrano in vigore a partire da oggi, lunedì 21 dicembre, i primi divieti decisi dal governo per contenere la diffusione del Covid-19 durante le festività. Le misure in vigore da oggi non sono ancora quelle previste dall’ultimo decreto Natale approvato in Consiglio dei ministri il 18 dicembre (che divide il periodo dal 24 dicembre a 6 gennaio in giorni “rossi” e “arancione”) ma sono quelli contenuti nel decreto dell’inizio di dicembre. Vediamo quali sono le restrizioni in vista del Natale:

Divieto di spostamento tra Regioni

Da oggi stop agli spostamenti tra Regioni: da oggi è infatti vietato a livello nazionale nazionale ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome. Per questo, chi doveva varcare i confini regionali per raggiungere parenti, amici o case vacanza fuori dalla propria regione doveva farlo entro oggi, oppure non potrà più farlo. Resta ovviamente la possibilità di spostarsi da una Regione all’all’altra per “comprovate esigenze” di lavoro, necessità e salute e per fare rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Quarantena per chi rientra dall’estero

Un’altra restrizione riguarda chi rientra dall’estero. Da oggi, infatti, e fino al 6 gennaio, è previsto l’obbligo per chi arriva in Italia di osservare il periodo di quarantena. A questa misura si aggiunge quella specifica adottata dal ministero della Salute dopo la notizia della nuova variante del Covid. Chi proviene dal Regno Unito ed è rientrato in Italia negli ultimi 14 giorni, anche se asintomatico, è obbligato infatti a contattare la Asl e sottoporsi al tampone.

Coprifuoco

Rimane in vigore anche il divieto di uscire di casa dopo le 22, orario in cui scatta il coprifuoco. Dopo quell’orario, si può uscire soltanto con autocertificazione e per questioni di lavoro, necessità e salute. Il coprifuoco resterà in vigore anche durante il periodo delle festività.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Rt Italia sale a 1,57: incidenza a 58
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Rt Italia sale a 1,57: incidenza a 58
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari
Cronaca / 6.171 casi e 19 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività 2,7%
Cronaca / “Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna. La situazione peggiora”: Zaki scrive dal carcere
Cronaca / “Siamo nella quarta ondata di Covid, aumentano i morti”: i dati della Fondazione Gimbe
Cronaca / Pfizer: dopo 6 mesi vaccino meno efficace. Si avvicina la terza dose
Cronaca / Il 58,12% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Sileri: "Sollecitato provvedimento per terza dose ai fragili"