Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Covid, le ultime notizie di oggi. Mattarella firma il decreto. Vaccini, sì dell’Aifa ad AstraZeneca. Il bollettino di oggi: 12.715 nuovi casi, 421 morti

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 30 Gen. 2021 alle 07:07 Aggiornato il 30 Gen. 2021 alle 18:08
1
Immagine di copertina

Covid, le ultime notizie di oggi (30 gennaio 2021) in Italia e nel mondo

COVID ULTIME NOTIZIE OGGI – Mentre la campagna di vaccinazione, che nelle prossime settimane si arricchirà anche del siero sviluppato da AstraZeneca approvato ieri dall’Ema, prosegue seppur tra numerose difficoltà, l’epidemia di Covid non accenna ad arrestarsi con i casi che ormai hanno superato i 100 milioni in tutto il mondo. Di seguito tutte le ultime notizie sul Covid 19 in Italia e nel mondo di oggi, sabato 30 gennaio 2021, aggiornate in tempo reale:

LA DIRETTA – COVID ULTIME NOTIZIE

Ore 17,43 – Mattarella ha firmato il Dl Covid – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha appena firmato il Decreto-legge recante proroga di termini in materia di accertamento, riscossione, adempimenti e versamenti tributari, nonché di modalità di esecuzione delle pene in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid.

Ore 17,25 – Il bollettino di oggi – Sono 12.715 i nuovi casi, contro i 13.574 di ieri, e 421 i morti (ieri erano stati 477), a fronte di 298.010 tamponi totali effettuati (ieri erano stati 268.750). Il tasso di positività è del 4,3% per cento (ieri 5 per cento). Le persone attualmente positive al Covid sono 463.352 (-4.472). (I dati completi)

Ore 16,20 – Si dell’Aifa al vaccino AstraZeneca – Dopo l’approvazione dell’Ema, l’Agenzia europea dei medicinali, alla distribuzione del vaccino anti Covid AstraZeneca, anche l’Aifa, l’agenzia del farmaco italiana, ha dato l’ok per tutte le fasce di età. Anche se nelle raccomandazioni si indica, tra l’altro, come preferibile utilizzare il vaccino negli under 55, perché per le fasce di età più anziane ci sono meno dati, in quanto il numero di pazienti arruolato negli studi clinici dall’azienda era più basso. Ora la palla passa al ministero e alle Regioni che devono inserire nella campagna vaccinale il nuovo vaccino. (Tutti i dettagli)

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Ore 14,20 – Vaccini, Arcuri: “Piano ripreso, somministrate 1,8 milioni di dosi” – “Ad oggi abbiamo somministrato 1,8 mln di vaccini, oltre 462 mila seconde dosi. La vaccinazione è ripresa, stiamo usando le dosi conservate e quelle che stanno arrivando per somministrare le seconde dosi”. Lo ha detto, secondo quanto viene riferito, il commissario all’emergenza, Domenico Arcuri, durante l’incontro con le Regioni sul piano vaccinale. “Arriveremo a fine febbraio a 6.364.808 dosi consegnate, per finire il primo target e iniziare già il secondo in attesa del via libera a Aifa a Astrazeneca”, ha aggiunto Arcuri.

Ore 13,50 – Vaccini, Boccia: “A febbraio 4 milioni di dosi, siano garantite” – “Continuiamo a mantenere alta la pressione sulle aziende farmaceutiche per il rispetto delle forniture. A febbraio gli ulteriori 4 milioni di vaccini in arrivo che si sommano ai due già arrivati, devono essere garantiti e soprattutto noi dobbiamo somministrarli in tempi rapidissimi”. Lo ha detto secondo quanto si apprende il ministro per gli Affari regionali, Francersco boccia, nel corso dell’incontro con le Regioni sul piano vaccini.

Ore 11,50 – Speranza: “Prorogato blocco dei voli dal Brasile” – “Ho firmato una nuova ordinanza che proroga il blocco dei voli in partenza dal Brasile e il divieto di ingresso in Italia di chi negli ultimi 14 giorni vi è transitato”. Lo ha annunciato su Facebook il ministro della Salute Roberto Speranza. “Manteniamo l’approccio della massima prudenza mentre i nostri scienziati continuano a studiare le varianti Covid”.

Ore 11,40 – Wuhan, esperti Oms visitano il primo ospedale – Gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) proseguono a Wuhan in Cina le loro indagini sul campo sull’origine del Coronavirus. I membri del team sono andati in mattinata, sotto scorta, all’ospedale Jinyintan di Wuhan. Lo riporta l’Ansa, specificando che si tratta del primo nosocomio ad aver accolto pazienti affetti da quello che allora era solo un misterioso virus, nella città dove a fine 2019 è scoppiata la pandemia di Covid-19.

Ore 11,15 – Musei Vaticani riaprono da lunedì 1 febbraio – “È ufficiale: i Musei Vaticani riaprono le loro porte al pubblico da lunedì 1° febbraio”. Lo confermano le Gallerie Pontificie. “Dopo 88 giorni di chiusura partire da lunedì 1 febbraio 2021 sarà finalmente possibile tornare a visitare le Collezioni Vaticane tutti i giorni, dal lunedì al sabato, dalle ore 8:30 alle ore 18:30, con ultimo ingresso alle ore 16:30”. La prenotazione è obbligatoria e sarà possibile effettuarla direttamente dal sito dei Musei Vaticani. Prima del Covid, “solo i bombardamenti su Roma nell’estate del 1943 erano riusciti nella nefasta impresa di far chiudere i battenti del Museo per un periodo ancora più lungo (14 mesi) di quello appena sofferto”, si sottolinea.

Ore 10,40 – Procuratore generale Mura: “1500 denunce nel Lazio tra negazionisti e non” – Sono almeno 1500 le denunce “nei confronti dei titolari dei poteri pubblici e in particolare degli esponenti governativi” pervenute nelle procure di tutto il Lazio negli ultimi mesi per vicende legate al Covid-19. A darne conto è il procuratore generale presso la corte d’appello di Roma Antonio Mura, secondo cui “tali denunce riguardano l’intero spettro delle decisioni assunte e di quelle asseritamente omesse da parte dei decisori pubblici”.  Per Mura, “circa 1.000 denunce lamentano l’inadeguatezza delle iniziative adottate per limitare la diffusione della pandemia e circa 500 (soprattutto negazionisti) contestano, invece, la legittimità delle misure restrittive disposte per garantire il distanziamento”. Si tratta, dunque, di esposti diametralmente opposti per contenuti di cui colpisce l’ingente entità.

Ore 9,00 – Dall’1 febbraio Italia quasi tutta gialla: 5 regioni arancioni – Da lunedì l’Italia tornerà a essere quasi tutta gialla, ad eccezione di cinque regioni che saranno in fascia arancione. A deciderlo sono le ordinanze firmate dal ministro della Salute Roberto Speranza sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia. In zona arancione ci saranno: Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la provincia autonoma di Bolzano. Qui i dettagli.

Ore 8,10 – Oltre 2,2 milioni di morti nel mondo – Il bilancio dei morti provocati dal Coronavirus a livello globale ha superato la soglia dei 2,2 milioni: è quanto emerge dai conteggi della Johns Hopkins University. Secondo l’università americana, ad oggi sono decedute nel mondo 2.206.459 persone a fronte di un totale di 102.069.448 casi. Il bilancio complessivo delle vittime da Covid-19 aveva superato quota 2 milioni il 15 gennaio scorso, quando il totale dei contagi era di oltre 93 milioni: negli ultimi 15 giorni, quindi, sono state registrate oltre 200mila ulteriori vittime e oltre nove milioni di nuove infezioni.

Ore 7,05 – Vaccino: Ue rinuncia includere Nord Irlanda in controlli export – Niente clausola di salvaguardia, nessuna deroga agli accordi relativi all’Irlanda del Nord raggiunti nel quadro della Brexit. La commissione Ue in serata ha infatti dichiarato che non includerà l’Irlanda del Nord nel meccanismo di controllo delle esportazioni di vaccini annunciato in precedenza, dopo che le critiche britanniche l’accusavano di compromettere gli accordi sulla Brexit. “Come parte della finalizzazione di questa misura, la Commissione garantirà che il protocollo Irlanda / Irlanda del Nord non sia influenzato”, ha scritto l’esecutivo della Ue in una dichiarazione. Contrariamente quindi alla sua intenzione iniziale, la Commissione “non fa scattare la clausola di salvaguardia”, che le avrebbe consentito di derogare in via eccezionale a questo protocollo per i vaccini.

Ore 7,00 – Vaccino, arcivescovo Canterbury: “Ue tradisce sue basi etiche” – La vicenda dei vaccini scandalizza l’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby. Su Twitter, il capo della Chiesa anglicana scrive: “In origine l’Unione Europea era ispirata dall’insegnamento cristiano sociale – al centro del quale c’è la solidarietà. Cercare di controllare l’export dei vaccini mina le basi etiche dell’Ue. Devono lavorare insieme agli altri”.

Covid ultime notizie in Italia e nel mondo: cosa è successo ieri

Cambiano i colori delle regioni – Cinque regioni in fascia arancione, tutte le altre in zona gialla. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà in giornata, a quanto si apprende da fonti del ministero, nuove ordinanze che andranno in vigore a partire da domenica 31 gennaio. Sono in area arancione le Regioni Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano. Tutte le altre Regioni e Province Autonome sono in area gialla. Nessuna regione in zona rossa: scendono in arancione Sicilia e Provincia di Bolzano. Mentre molte regioni passano da arancione a giallo, comprese Lombardia e Lazio, di cui si è discusso in questi giorni. Con loro “guadagnano” un colore migliore anche Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Fvg, Liguria, Marche e Piemonte.

Il bollettino – Oggi in Italia si sono registrati 13.574 nuovi casi di Covid e 477 morti legati alla pandemia. È quanto emerge dal consueto bollettino diffuso da Ministero della Salute e Protezione Civile. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 268.750 tamponi (compresi i test rapidi), mentre i ricoverati in terapia intensiva sono calati di 18 unità.

Bozza Iss: indice Rt in diminuzione a 0,84 – Nel periodo 06 gennaio – 19 gennaio 2021, l’indice Rt medio calcolato sui casi sintomatici e’ stato pari a 0,84 (range 0,75- 0,98), “in diminuzione e con il limite superiore del range sotto l’uno”. È quanto evidenzia la bozza del monitoraggio settimanale della cabina di regia, con dati relativi alla settimana 18/1/2021-24/1/2021.

Leggi anche: 1. Covid, i nuovi colori in vigore da domenica: Lazio e Lombardia in giallo, Sicilia e Bolzano arancioni / 2. Vaccino anti Covid, via libera dell’Ema ad AstraZeneca dai 18 anni / 3. Vaccini, l’Ue pubblica il contratto con Astrazeneca: “È chiarissimo, con ordini vincolanti”

4. Andrea Crisanti: “Per toglierci la mascherina ci vorranno due anni” / 5. Il dossier dei servizi segreti che allarma il governo: “Contagi sottostimati del 50%” / 6. Massimo Galli: “Le elezioni regionali tra le possibili cause della seconda ondata di Covid in Italia”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.