Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Covid, riconosciute già sei mutazioni del virus: ecco le conseguenze per i vaccini

Immagine di copertina
Credit: ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Con il passare del tempo gli scienziati sono in grado di conoscere sempre meglio il virus che causa il Covid-19. Uno dei punti su cui si sono interrogati gli esperti nei mesi scorsi e su cui non c’è ancora una risposta definitiva è quello della possibile mutazione del Sars CoV-2. Ma cosa sappiamo ad oggi sulle mutazioni del nuovo Coronavirus e sull’effetto che possono avere sul vaccino?

Mutazioni Covid e vaccini

Uno studio pubblicato a novembre su Science e realizzato dai ricercatori dell’University of North Carolina a Chapel Hill e dell’University of Wisconsin-Madison, ha confermato che anche il Sars CoV-2 muta, come tutti gli agenti virali. Gli esperti hanno studiato gli effetti della mutazione in vitro e su modelli animali.

Finora sono stati depositati nelle banche internazionali oltre 150mila genomi di virus circolanti e conosciamo sei diversi sottogruppi del virus imparentati con quello comparso nella città di Wuhan probabilmente già a dicembre del 2019. Tuttavia, il Sars CoV-2 muta dalle 5 alle 10 volte meno rispetto ai virus dell’influenza e dell’epatite C. Una sola mutazione (la D614G) ha dimostrato di dare un vantaggio al virus nella capacità di trasmissione.

La mutazione si è verificata nel gene che codifica la proteina Spike, quella che il virus utilizza per agganciare e penetrare nelle nostre cellule. Tale mutazione, anche se ha reso il virus più contagioso, non lo ha reso più mortale o pericoloso per l’uomo. Inoltre, secondo i ricercatori, i cambiamenti avvenuti nella proteina Spike potrebbero rendere il virus “più suscettibile a un vaccino“.

Tuttavia, come sottolinea un articolo pubblicato sul Corriere della Sera e firmato da Margherita De Bac, in un altro studio pubblicato in questi giorni da Nature Communications, coordinato dall’University College di Londra (Ucl) e basato sull’analisi di 46.723 genomi di persone positive al Covid 19, si osserva che le mutazioni conosciute hanno un effetto neutro sulla trasmissibilità del nuovo Coronavirus, quindi il dibattito è ancora aperto. In ogni caso, anche gli esperti dell’Ucl si dicono “ottimisti” sull’efficacia dei vaccini contro il Covid in arrivo nei prossimi mesi e si esprimono in modo favorevole sulla possibilità di “segnalare la presenza di mutazioni per eventuali aggiornamenti dei vaccini”.

La questione dei visoni

Nelle ultime settimane è emersa anche la notizia di una variante di Coronavirus che sarebbe stata trasmessa all’uomo dai visoni. La questione è emersa in Danimarca, dove in un allevamento di visoni si sono avuti 12 casi di infezione non grave tra gli operatori del settore, contagiati da varianti trasmesse dagli animali che a loro volta erano stati contagiati dall’uomo.

Questa variante, denominata cluster 5, non è più in circolazione, secondo quanto affermato dal ministero della Sanità danese. I ricercatori dell’università di Oxford, in un articolo pubblicato su Nature, hanno scritto che le mutazioni dei visoni non sono particolarmente preoccupanti e che non compromettono l’effetto dei vaccini. Anche in Italia il ministero della Salute ha sospeso a scopo cautelativo fino a febbraio 2021 l’attività negli allevamenti di visoni, che sono comunque molto meno numerosi rispetto a quelli presenti in Danimarca o in altri Paesi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Citofona nella notte ai vicini e accoltella una 17enne: la ragazza è in gravi condizioni
Cronaca / Uccide madre e nasconde il corpo per 10 giorni: fermato 59enne a Roma
Cronaca / Alla faccia della Salute: l’Italia fanalino di coda nel G7 per spesa sanitaria
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Citofona nella notte ai vicini e accoltella una 17enne: la ragazza è in gravi condizioni
Cronaca / Uccide madre e nasconde il corpo per 10 giorni: fermato 59enne a Roma
Cronaca / Alla faccia della Salute: l’Italia fanalino di coda nel G7 per spesa sanitaria
Cronaca / Abusi nella ginnastica, l’allenatrice Maccarani ammonita. La procura l’aveva difesa: “Solo eccesso di amore”
Cronaca / Caso Baiardo, il riesame accoglie il ricorso della procura: “Deve essere arrestato”
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Custodi di storia, a San Paolo Fuori le Mura il 12 ottobre l’esclusiva serata di beneficenza
Cronaca / Andrea Purgatori, l’autopsia: non c’erano metastasi al cervello al momento della morte
Cronaca / Bologna, confermato l’ergastolo all'ex Nar Cavallini: “Strage con finalità eversive”
Cronaca / Caso Regeni, la Consulta sblocca il processo agli 007 egiziani: potranno essere giudicati anche in loro assenza