Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, Crisanti contro le zone gialle e le riaperture: “Tra un mese avremo un aumento dei contagi e l’estate sarà a rischio”

Immagine di copertina

Covid, Crisanti contro zone gialle e riaperture: “Estate a rischio”

“Così l’estate è a rischio”: il virologo Andrea Crisanti critica la decisione del governo di reintrodurre, a partire dal prossimo 26 aprile, le zone gialle nelle norme anti-Covid e mette in guardia sui pericoli che le riaperture potrebbero avere sulla curva dei contagi.

Intervistato dall’Adnkronos Salute, il direttore di Microbiologia e virologia dell’università di Padova ha infatti sottolineato che: “Riproporre le zone gialle, quelle arancioni e rosse, è continuare con un sistema infernale ed è la dimostrazione che in un anno non si è trovata un’alternativa efficace e non si sono costruiti strumenti adeguati per contenere l’epidemia. Siamo sempre lì, con oscillazioni tra zone gialle e arancioni, nelle prime si apre e il contagio aumenta”.

Il premier Mario Draghi ha parlato nel corso della conferenza stampa di venerdì 16 aprile di “rischio ragionato”, una dichiarazione che però non ha convinto l’esperto.

“Mi auguro che abbiano delle proiezioni. Ma i numeri non li vediamo, non c’è trasparenza. L’espressione ‘rischio ragionato’ è vuota e decisamente politica e non scientifica. Il rischio è dato da due componenti, la probabilità e l’intensità del rischio”.

“Per la prima sappiamo già che i contagi aumenteranno e non è una probabilità, con le riaperture accadrà questo – sottolinea Crisanti – Servirebbe un programma di vaccinazioni a tamburo battente per evitarlo. L’intensità è la gravita del fenomeno e i nostri dati sono ancora alti, con le aperture aumenteranno e dovremmo chiudere proprio in estate, quando invece gli altri Paesi saranno fuori dal tunnel”.

Secondo il virologo quello che sta accadendo nel nostro Paese è “il risultato di una mediazione tra chi è cauto e chi vuole aprire tutto. Siamo un Paese ostaggio di un gruppo di pressione che fa prevalere gli interessi di parte alla sanità pubblica”.

Crisanti, poi, si dice sicuro che nelle prossime settimane “aumenteranno i contagi”. Questo significa che, secondo l’esperto, “l’estate sarà a rischio e dovremmo richiudere”.

Leggi anche: Covid, Galli contro le riaperture decise dal governo: “Rischio calcolato? Calcolato male” | VIDEO

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scudetto Inter, in 3.000 per la festa al San Siro: rispettato uso mascherina | VIDEO
Cronaca / Covid, 10.176 casi e 224 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Milano, in migliaia in piazza per sostenere il Ddl Zan: “Una legge di civiltà”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scudetto Inter, in 3.000 per la festa al San Siro: rispettato uso mascherina | VIDEO
Cronaca / Covid, 10.176 casi e 224 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Milano, in migliaia in piazza per sostenere il Ddl Zan: “Una legge di civiltà”
Cronaca / “Almeno 100 colpi” sparati dalla Guardia costiera libica al peschereccio italiano
Cronaca / Ennesima tragedia sul lavoro: operaio muore cadendo da un ponteggio di 4 metri
Cronaca / Roma, barista trovato impiccato nel suo locale: "Era depresso per la crisi economica"
Cronaca / “Mi disse che l’avevano stuprata”: caso Ciro Grillo, il racconto del maestro di kitesurf
Cronaca / Vaccini, l'appello di Papa Francesco: "Sospendere i brevetti, siano di tutti"
Cronaca / "Undici frammenti": esce il podcast sul caso Marta Russo
Cronaca / Razzo cinese, Protezione Civile: “Scarsa possibilità che colpisca l’Italia”