Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, uno studio cinese ‘sgonfia’ la cura con il plasma. De Donno s’arrabbia

Immagine di copertina

Il medico attacca: si sarebbero potute salvare almeno tremila persone

Coronavirus, studio sulla cura con il plasma: De Donno risponde

Uno studio cinese ‘sgonfia’ la cura con il plasma. E il dottor Giuseppe De Donno dell’ospedale ‘Carlo Poma’ di Mantova reagisce con parole forti su Facebook. La questione riguarda i risultati di una ricerca realizzata in Cina che ridimensiona la sperimentazione basata sugli anticorpi dei pazienti guariti dal Coronavirus. Secondo lo studio asiatico di cui ha parlato il Journal of the American Medical Association ad oggi il plasma non è sicuro quanto “le cure convenzionali”.

Il dottor De Donno, personaggio discusso per la sperimentazione con il plasma a Mantova, via social network ha commentato i dati sollevando dubbi sulla loro attendibilità ed è passato al contrattacco sostenendo che con il plasma si sarebbero potute salvare almeno 3mila persone morte per il Covid-19. “Oggi su Jama – ha scritto il direttore della Pneumologia in un post – è uscito un lavoro dei cinesi. Uno studio randomizzato, interrotto precocemente, con enormi bials. Concludono dicendo che il plasma non da vantaggi rispetto al trattamento medico ‘convenzionale’ ma è una speranza. Peccato che non abbiano analizzato la casistica per gravità”.

plasma de donno

“Dall’analisi dello studio – ha continuato De Donno – emerge, infatti, che, nei pazienti gravi ma non gravissimi ( ovvero quelli del nostro protocollo), si ottiene una netta riduzione della mortalità, fino al 56 per cento se calcoliamo il rischio relativo. In particolare su 23 pazienti 0 morti. Una negativizzazione dei tamponi nella quasi totalità dei casi, una riduzione di 5 giorni della degenza media”. Poi conclude: “Se qualcuno è bravo in matematica ci dovrà spiegare quante vite in più potevamo salvare. Io ho detto 3mila. Ma a questo punto, forse, sono di più…”.

Leggi anche: 1. Autoritarismo, feeling con Salvini e dubbi sulla sperimentazione: chi è davvero Giuseppe De Donno (di Selvaggia Lucarelli) / 2. Il caso De Donno, il prof anti-élite che alla fine legge il comunicato impostogli dai capi (di Selvaggia Lucarelli)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Cronaca / Prescrive cure alternative al telefono e il paziente muore: arrestato medico no vax
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Cronaca / Max Mara, Victoria’s Secret e il nail bar: le spese pazze che hanno portato alla condanna di Renata Polverini
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine