Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:37
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, il primario di Codogno: “Ore decisive, ecco com’è andata davvero col paziente 1”

Immagine di copertina
Persone con la mascherina fuori dall'ospedale di Codogno, nel Lodigiano (Credits: ANSA/ MAURIZIO MAULE/ FOTOGRAMMA)

Stefano Paglia, primario dei pronto soccorso di Codogno e di Lodi, racconta cosa è successo alla fine di febbraio, quando il 38enne Mattia è risultato positivo al test

Coronavirus, il primario di Codogno: “Ore decisive, ecco com’è andata davvero col paziente 1”

“Stiamo facendo il conto alla rovescia. Monitoriamo minuto per minuto i nuovi contagi nella zona rossa e nelle aree confinanti: ci aspettano altri due giorni con il fiato sospeso per capire se qui la grande ondata dell’epidemia è passata e quando arriverà nel resto della Lombardia”. Sono le parole di Stefano Paglia, 49 anni, primario dei pronto soccorso di Codogno e di Lodi, che sta lottando da giorni contro l’epidemia di Covid-19 e in un’intervista a Repubblica parla di “ore decisive” per capire se “l’ondata dell’epidemia è passata o se l’emergenza è ancora all’inizio”.

“Come ogni altro medico travolto dall’emergenza, penso solo a chi si ammala”, dice Paglia che dal 20 febbraio non lascia il reparto e che finora non aveva parlato alla stampa. Il medico racconta cosa è successo a Codogno a partire dalla fine di febbraio, quando il 38enne Mattia è risultato positivo al test. “Il cosiddetto ‘paziente uno’ all’inizio aveva i sintomi classici di un’influenza e per due volte ha negato relazioni sospette con la Cina. Non rispondeva alle terapie ed essendo giovane era stato invitato invano a rimanere in ospedale sotto osservazione”, dice. “Si è ripresentato il 19 notte, la polmonite si era aggravata, nessun farmaco funzionava. Nel primo pomeriggio di giovedì 20, dopo il trasferimento dalla medicina alle terapie intensive, si è accesa la lampadina all’anestesista che ha salvato tutti dalla catastrofe”.

“La mia collega, forzando il protocollo, ha fatto fare il tampone. Prima ancora di avere conferme, personale e reparti sono stati messi in sicurezza”, prosegue il dottor Paglia, che però precisa: “Nell’area il coronavirus, senza poter essere individuato, girava almeno da gennaio. A fine dicembre, anticipando il piano di sovraffollamento invernale, avevo aumentato a 18 i letti dell’osservazione breve intensiva. I medici di base registravano un boom di polmoniti: ci siamo preparati senza aspettare i finanziamenti”.

“Dopo il primo caso, per tre giorni siamo rimasti senza tamponi. Pur di circoscrivere il focolaio dentro l’attuale zona rossa, sono stati fatti a tappeto”, spiega il primario di Codogno. “I laboratori del Sacco di Milano e del San Matteo di Pavia si sono intasati. Chi lavora negli ospedali, ha dato la precedenza ai pazienti. L’equivoco è confondere la generosità per un errore”. Paglia dice di non essere preoccupato, e invita le persone a non allarmarsi. Il rischio che vede, nel caso in cui l’epidemia si allarghi a Milano, alle grandi città della Lombardia e il resto del Nord Italia, è che l’organizzazione sanitaria finisca sotto forte stress. “Per fortuna chi deve sapere, lo sa”, aggiunge.

E sull’inchiesta aperta dalla procura lodigiana a proposito dell’operato dei medici dell’ospedale di Codogno commenta: “Nessuna amarezza, la coscienza è a posto. La verità è che a Codogno, grazie a una straordinaria e anonima dottoressa con qualità cliniche di altissimo livello, l’Italia ha scoperto l’epidemia. Ha avuto il tempo per reagire e può tentare di limitarne le conseguenze. L’inchiesta così potrebbe perfino farci scoprire cose interessanti”.

Leggi anche:

1. Coronavirus, in arrivo il vademecum per evitare il contagio: stop a eventi sportivi, saluti a distanza, anziani a casa/ 2. Coronavirus, tamponi persi e ricette lanciate dalla finestra: il racconto di un medico

3. Dire “basta allarmismi” ormai è una scemenza: è il momento di sacrificarci, tutti (di Selvaggia Lucarelli) /4. Agenzie di viaggi e operatori del turismo in ginocchio per il coronavirus: “Costretti a chiudere o licenziare, il governo ci aiuti” | VIDEO /

5. Parla Sonia, la proprietaria del ristorante cinese di Roma costretto a fermarsi: “I nostri cuochi hanno paura del coronavirus in Italia” /6. Tutte le ultime notizie sul coronavirus nel mondo / 7. Coronavirus in Italia, gli ultimi aggiornamenti

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce