Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Coronavirus, a Pavia primi pazienti curati con il sangue di chi è guarito

Il protocollo è stato predisposto dal servizio di Immunoematologia e medicina trasfusionale. I primi due a donare sono stati i medici di Pieve Porto Morone, marito e moglie, primi casi di contagio da Covid19

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 2 Apr. 2020 alle 21:07
789
Immagine di copertina
Laboratori Credits: Ansa

Entra nel vivo la sperimentazione della plasmaterapia al Policlinico di Pavia, l’ospedale in cui è stato curato dal Covid-19 Mattia, il paziente 1 di Codogno ricoverato lo scorso 21 febbraio, primo in Italia a cui è stato diagnosticato il coronavirus. Alcuni malati hanno già ricevuto il plasma di pazienti guariti e che quindi hanno sviluppato gli anticorpi.

Lo avevano già fatto in Cina sperimentando un approccio usato nell’epidemia di Ebola, curare i malati di Covid 19 con il plasma dei pazienti guariti. Da qualche giorno al Policlinico di Pavia, uno degli ospedali di frontiera nella lotta contro Sars Cov 2, erano pronti a entrare in azione con la terapia e oggi alcuni malati hanno già ricevuto il plasma di pazienti guariti che quindi hanno sviluppato gli anticorpi. Il protocollo per la plasmaterapia è stato predisposto dal servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale del San Matteo, in collaborazione con altre strutture come l’Ats di Mantova. I primi due a donare sono stati i medici di Pieve Porto Morone (Pavia), marito e moglie, primi casi di contagio da Covid 19 in provincia di Pavia.

“È una procedura già collaudata che oggi può essere utilizzata per combattere un virus nuovo, come il Covid-19, e salvare pazienti in gravi condizioni” aveva spiegato qualche giorno fa in una intervista Cesare Perotti, responsabile del servizio di Immunoematologia e Medicina trasfusionale del San Matteo di Pavia, in attesa del via libera dell’Istituto Superiore di Sanità per la cura dei malati più compromessi. Al Policlinico è stato predisposto il protocollo sperimentale.

“Il plasma iperimmune – racconta il professor Perotti – è già stato utilizzato anche in passato, per la cura della Sars e dell’Ebola“. Ma chi possono essere i donatori di plasma? “I pazienti guariti dal coronavirus – spiega -: e quando si parla di guarigione, ci si riferisce solo a soggetti che hanno avuto due tamponi negativi effettuati in due giorni consecutivi. Nel plasma di queste persone si sono sviluppati anticorpi in grado di combattere efficacemente il Covid-19″.

Leggi anche:

1. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong / 2. Uno scudo penale per il Coronavirus: nel decreto Cura Italia spunta l’emendamento PD per sanare le responsabilità politiche / 3. Perché il vero numero dei guariti potrebbe essere più basso di quello “ufficiale”

4. Coronavirus, l’Iss: “Il Covid-19 può ripartire in autunno” / 5. “Devo andare dalle mie tre amanti”: le scuse di chi ha violato il divieto di uscire ai tempi del Coronavirus / 6. Il matrimonio salta ma lo celebra il figlio in casa: “Non potevamo far passare questo giorno così”

7. Senna (Lega) a TPI: “Il Coronavirus è la fine di un’era. Il mercato del lavoro cambierà, non solo in Lombardia” / 8. Impennata di casi a Cortina d’Ampezzo, il sindaco: “Fatale quell’ultimo fine settimana sulle piste” / 9. L’Europa chiede scusa all’Italia. Lettera di Von der Leyen: “All’inizio poca solidarietà, ma ora cambiamo passo con la cassa integrazione europea”

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

789
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.