Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, laurea in anticipo per gli infermieri in Italia: “Pronti a combattere l’emergenza”

Immagine di copertina
Credit: Facebook

Coronavirus, laurea in anticipo per gli infermieri in Italia

La foto dei nove neo infermieri freschi di laurea ritratti in piedi a un metro di distanza l’uno dall’altro che ricevono il riconoscimento ufficiale del compimento del corso di studi a porte chiuse, sembra l’immagine di soldati disposti in ordine che attendono i comandi per andare a combattere. Non avranno tempo di festeggiare la laurea, si ritroveranno catapultati sul campo, a sopportare turni no stop per sconfiggere insieme a colleghi più esperti il nemico “Coronavirus“.

La richiesta di anticipare le sessioni di laurea delle professioni sanitarie in Italia è arrivata dal ministero dell’Istruzione allo scopo di avere a disposizione nuove figure da inserire a supporto di medici e infermieri. Molti di questi giovani infermieri neo laureati potrebbero essere chiamati nelle zone con il più alto tasso di contagiati da Coronavirus come quelli del Lodigiano, della Bergamasca o del Bresciano dove gli ospedali sono più in difficoltà.

“È stato tutto molto repentino, era tutto programmato per aprile ma invece è stato anticipato a marzo – racconta a Fanpage.it una infermiera neolaureata – entrare da inesperti è una sfida personale, ma la preparazione che ci hanno dato serve a essere pronti anche per queste emergenze”.

Il giornalista le chiede se sarà disposta a lavorare anche nella “zona rossa”. La giovane infermiera fresca di laurea risponde: “Siamo pronti, è il nostro lavoro ed è quello per cui abbiamo studiato, certo è strano essere catapultati così immediatamente nel mondo del lavoro e in una situazione di emergenza, ma è questa la nostra sfida”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, l’infermiera posta una foto con il volto segnato dalla mascherina: “Ho paura, ma sono fiera” / 2. Indossiamo una maglia bianca per ringraziare medici e infermieri impegnati contro il Coronavirus: la campagna social /
3.L’infermiera di Cremona stremata dopo il turno di notte è lo scatto simbolo della lotta al Coronavirus / 4. Parla l’infermiera stremata della foto virale: “Scusate se sono crollata prima della fine del turno” 
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Melandri ritratta: “Non ho preso volontariamente il Covid, era solo una battuta”
Cronaca / Covid, Locatelli (Cts): “Curva sta rallentando. Vaccinazioni con numeri straordinari”
Cronaca / Covid, oggi 180.426 casi e 308 morti. Tasso di positività al 14,8%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Melandri ritratta: “Non ho preso volontariamente il Covid, era solo una battuta”
Cronaca / Covid, Locatelli (Cts): “Curva sta rallentando. Vaccinazioni con numeri straordinari”
Cronaca / Covid, oggi 180.426 casi e 308 morti. Tasso di positività al 14,8%
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / Marco Melandri: “Ho preso il Covid volontariamente per non vaccinarmi e avere il green pass”
Cronaca / Vladimir Luxuria a TPI: “Mi sento donna anche col pene”
Cronaca / Cannabis light, Luca Fiorentino a TPI: “In Europa si fanno leggi per aprire, da noi si cercano trabocchetti per chiudere”
Cronaca / La mamma di Fedez sventa un tentativo di truffa ai danni del figlio
Cronaca / No vax e non green pass di nuovo in piazza: oggi manifestazioni a Roma, Torino, Milano
Cronaca / Covid, oggi 186.253 casi e 360 morti: mai così tanti decessi dal 22 aprile scorso