Coronavirus:
positivi 15.060
deceduti 34.818
guariti 191.083

Brusaferro: “No a uso eccessivo di disinfettanti per il Coronavirus e al riuso delle mascherine chirurgiche”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 4 Giu. 2020 alle 11:55
70
Immagine di copertina

Brusaferro: “No a uso eccessivo di disinfettanti per il Coronavirus”

Il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, è intervenuto questa mattina durante i lavori della Commissione d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti e a proposito dell’uso dei disinfettanti contro il Coronavirus è stato chiaro: “Laddove le superficie sono mantenute pulite il virus è facilmente inattivabile, ma dobbiamo stare attenti a non esagerare. Le disinfezioni possono provocare effetti indesiderati se usate in modo estensivo e intensivo. Perché un eccesso di disinfettanti arriva negli scarichi ed entra in un ciclo”. Davanti ai membri della Commissione ecomafie, il presidente dell’Iss ha precisato: “Bisogna fare le disinfezioni in maniera appropriata, con i principi attivi corretti, nella giusta concentrazione, e deve anche essere valutato il rischio della superficie. Insomma, bisogna trovare il giusto equilibrio”.

Poi la discussione si è spostata sulle mascherine: “Non è raccomandato – ha detto Brusaferro – usare mascherine molto sofisticate a livello domestico. Ma, in base ai diversi contesti, si può usare lo strumento di protezione più appropriato. Le mascherine chirurgiche, ad esempio, possono esser utilizzate anche per un uso prolungato da 2 a 6 ore, ma non ci sono evidenze che ne garantiscano il riutilizzo in sicurezza”, Per quanto riguarda invece le mascherine di comunità, “dipende dal materiale con cui sono realizzate”, anche se “non hanno potere filtrante, fungono solo da barriera”.

Nel corso dell’audizione è stato affrontato anche il tema della riutilizzabilità di materiali e dispositivi e sui rifiuti ospedalieri: “La riutilizzabilità di materiali e dispositivi deve essere promossa per ridurre i rifiuti”, ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità. Mentre sul ricondizionamento, ovvero il processo di decontaminazione del dispositivo per un nuovo utilizzo, Brusaferro ha detto che “deve consentire la inattivazione del virus ma anche il mantenimento delle caratteristiche dello strumento necessarie alla sua funzione. Trovare un giusto mix è una delle sfide tecnologiche che ci attendono”. “E’ chiaro – ha concluso Brusaferro sull’emergenza Coronavirus in Italia – che veniamo da una fase di acuzie dell’epidemia. Oggi la guardiamo con un po’ più di serenità, anche se con grande attenzione”.

Leggi anche:

1. Conte: “Dati sul Covid incoraggianti, ora le riforme” / 2. Chi decide sulle zone rosse? La legge dice che su Alzano e Nembro hanno torto sia Conte sia Fontana / 3. In Grecia viene fatto un tampone a chiunque atterri, in Italia nessun controllo da zone a rischio

4. “Salvate il soldato Restaurant: un locale su due rischia la chiusura. E le bistecche italiane spariranno uccise dalla burocrazia sanitaria” / 5. Vi mostriamo la lettera che Crisanti inviò alla Sanità Veneta raccontando una “piccola bugia” sui tamponi agli asintomatici / 6. La pandemia di Coronavirus è costata all’Italia 400mila posti di lavoro

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

70
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.