Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Fase 2, lo Stato lancia il bando per reclutare 60mila assistenti civici

Immagine di copertina
Immagine di repertorio. Credit: ANSA/PERAZZOLO-BOLZONI/DRN

Sono le guardie civiche della Fase 2 e aiuteranno nei controlli anti contagio. Il bando è rivolto anche ai chi prende il reddito di cittadinanza. L’incarico è volontario

Coronavirus, gli assistenti civici per la Fase 2

Lo Stato è in cerca di 60mila assistenti civici tra i disoccupati che avranno il compito di aiutare a vigilare sulle norme anticontagio da Coronavirus. Il bando per candidarsi a diventare guardia civica della Fase 2 è stato annunciato in una nota congiunta del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, e il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, sindaco di Bari. L’iniziativa per reclutare i 60mila assistenti civici volontari partirà dopo il 25 maggio e sarà gestita dalla Protezione Civile, come è successo anche per i bandi dedicati all’assunzione di medici e infermieri durante la fase emergenziale.

Chi può candidarsi a diventare “assistente civico” della Fase 2

Gli assistenti civici saranno “individuati su base volontaria” e il bando è rivolto “a inoccupati, a chi non ha vincoli lavorativi, anche percettori di reddito di cittadinanza o chi usufruisce di ammortizzatori sociali“. Il bando è rivolto quindi a inoccupati, cassintegrati o percettori del reddito di cittadinanza o di emergenza.

Cosa fa l’assistente civico

Il compito dell’assistente civico, già soprannominato “Guardia civica della Fase 2”, sarà quello di aiutare a vigilare sulle norme anticontagio da Coronavirus. Collaborerà quindi al rispetto del distanziamento sociale nei mercati, nelle spiagge, nei parchi e nelle attività di sostegno alle categorie più deboli. Gli assistenti civici non faranno multe, assicura il ministro Boccia, ma aiuteranno a gestire e a vigilare il rispetto delle misure in questa fase di allentamento. Vigileranno affinché non si creino assembramenti.

Recluteremo “Tutti quei cittadini che hanno voglia di dare una mano al Paese, dando dimostrazione di grande senso civico”, ha detto il ministro Boccia. Che si occupi quindi di vigilare affinché vengano rispettate “tutte le misure messe in atto per contrastare e contenere il diffondersi del virus”, ha aggiunto. Il presidente dei sindaci Decaro ha spiegato: “è ai volontari che vogliamo affidare le nostre comunità in questa nuova e complessa fase: quella in cui proviamo a convivere con il virus e impariamo a difenderci, anche tornando a una vita meno compressa dai divieti”. Il compito degli assistenti, sottolinea il sindaco di Bari, “non sarà quello di allontanare le persone, ma piuttosto di informare e dare indicazioni per evitare gli assembramenti, dovranno prevenire e semmai segnalare alla Protezione civile comunale eventuali inosservanze”.

Riceveranno uno stipendio? No, l’incarico è volontario e non è prevista quindi alcuna remunerazione se non l’assicurazione pagata dalla Protezione civile.

Gli assistenti civici lavoreranno 3 giorni a settimana per un massimo di 16 ore settimanali, dovranno indossare un fratino “assistenti civici” sulla schiena, lo stemma comunale e il logo della Protezione civile sul petto. L’incarico è previsto fino al 31 luglio 2020, la data della fine della stato di emergenza.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Leggi anche: 1. Per contagiare lo pseudo-assessore Gallera servono due infetti. Per salvare la Lombardia bastano due dimissioni (di Giulio Gambino) / 2. Coronavirus, dopo la gaffe sull’indice di trasmissibilità ora Gallera se la prende con TPI: “Pseudo-giornalisti, dormite sonni tranquilli” / 3. Ora la Lombardia deve aspettare a riaprire (di Luca Telese) / 4. Esclusivo TPI: Covid, i soldi per la ripartenza? Il comune di Bergamo li assegna a chi produce armi, ma non alle piccole imprese (di Francesca Nava)/ 5. Non possono essere i giovani i nuovi nemici nella Fase 2 (di Stefano Mentana)
TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: l'algoritmo del ministero lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino