Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Ora la Lombardia deve aspettare a riaprire (di L. Telese)

Immagine di copertina
Il governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana: Credit: ANSA/Andrea Fasani

Ieri due contagiati su tre, sul totale dei contagiati in Italia erano in Lombardia. La Lombardia è il territorio del paese in cui sono concentrati più della metà dei contagi totali, più della metà dei morti, più della metà delle terapie intensive. Questa non è certo una colpa dei lombardi, il loro dramma, semmai. Non è nemmeno colpa dell’assessore Gallera, anche se urge un buon professore che con la lavagnetta gli spieghi cosa significa R0.

Ma visto che si avvicina la scadenza del 3 giugno, e che questa difformità è sotto gli occhi di tutti, è del tutto evidente che se i numeri e le proporzioni restano queste, la Lombardia dovrà mantenere un regime di restrizione più forte del resto del paese. Perché non possono accadere due cose che sarebbero entrambe sbagliate: né che il resto dell’Italia resti ferma, o in un regime più restrittivo per attendere la Lombardia. Né che il resto dell’Italia sia messa a rischio con una riapertura indifferenziata perché qualcuno pensa che questo possa essere un affronto per la Lombardia.

Purtroppo questa seconda reazione, per quanto possa sembrare strano, è quella che alcuni amministratori e politici lombardi hanno espresso negli ultimi mesi: “Non è possibile che un avvocato Lombardo sia costretto a restare fermo – ha detto per esempio Matteo Salvini da Massimo Giletti – mentre un avvocato di Reggio Calabria può riprendere a lavorare”. E perché mai, mi chiedo? È ovvio che possa farlo.

Quando il terremoto dell’Umbria (o dell’Emilia Romagna, o dell’Aquila) hanno fermato quelle regioni, a nessuno è saltato in mente di dire: se si ferma il tribunale in Umbria deve fermarsi anche a Milano. È evidente che i provvedimenti restrittivi non sono una punizione ma una soluzione. Sarebbe come dire che Fontana volesse punire Codogno quando ha disposto la zona rossa intorno alla cittadina lombarda. Quindi bene le riaperture asimmetriche: poi, quando il tasso di contagio sarà sceso anche il Lombardia, immediatamente deve essere consentito, anche a quella regione, di aggiungersi alle altre.

Leggi anche: 1. Per contagiare lo pseudo-assessore Gallera servono due infetti. Per salvare la Lombardia bastano due dimissioni (di Giulio Gambino) / 2. Coronavirus, dopo la gaffe sull’indice di trasmissibilità ora Gallera se la prende con TPI: “Pseudo-giornalisti, dormite sonni tranquilli”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Opinioni / Patrick Zaki: la vergogna per il tuo 30esimo compleanno in cella non ha un luogo per nascondersi
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Opinioni / Essere Barillari: ovvero approfittare di un calciatore quasi morto per collezionare qualche like (di G. Cavalli)
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)