Lecco, trovata strappata una copia della “Lettera agli ebrei” di S. Paolo alla vigilia del Giorno della Memoria

Il gesto è avvenuto a Calolziocorte. A preoccupare è il collegamento tra il titolo del libro e il ricordo delle vittime della Shoah

Di Anna Ditta
Pubblicato il 27 Gen. 2020 alle 13:41 Aggiornato il 27 Gen. 2020 alle 14:09
8
Immagine di copertina
Un'immagine del campo di sterminio di Auschwitz, dove furono deportati milioni di ebrei durante il nazismo.

Lecco, trovata strappata una copia della “Lettera agli ebrei” di S. Paolo alla vigilia del Giorno della Memoria

Una copia della Lettera agli Ebrei di San Paolo è stata presa dalla cassetta del book crossing, strappata e lasciata a pezzi per terra ieri nell’area dello storico complesso conventuale del Lavello di Calolziocorte, in provincia di Lecco. Il fatto, come riporta l’agenzia Ansa, è avvenuto alla vigilia della celebrazione del “Giorno della Memoria”, in cui si ricordano le vittime della Shoah.

Il gesto potrebbe essere stato motivato da intento antisemita dal momento che, tra i tanti volumi presenti nella cassetta, è stato preso solo questo testo. Anche se si tratta di un testo cristiano, il riferimento agli “ebrei” nel titolo potrebbe avere indotto a compiere un atto di spregio contro le vittime dell’Olocausto, alla vigilia del 27 gennaio.

La Lettera agli Ebrei di San Paolo è un libro del Nuovo Testamento, della Bibbia. Il testo si trovava in una cassetta per lo scambio e la condivisione di libri.

A Calolzio non si tratta del primo episodio di atti vandalici ai danni delle strutture per la condivisione dei libri e la diffusione della lettura. Ma a preoccupare è il collegamento che potrebbe essere scattato nella testa di qualcuno tra il titolo del libro e la Giornata della Memoria.

Non si tratterebbe del primo gesto di antisemitismo a ridosso della commemorazione: la notte tra giovedì 23 e domenica 24 gennaio a Mondovì, in provincia di Cuneo, una scritta antisemita:”Juden hier” (“Qui abita un ebreo”) è comparsa sulla porta dell’abitazione di Lidia Beccaria Rolfi, staffetta partigiana, deportata a Ravensbruck come politica ma testimone dell’Olocausto.

Leggi anche:

Ci sforziamo di ricordare ma non riusciamo più a vedere: buona Giornata della Memoria

I libri da leggere per ricordare le vittime della Shoah

I film da vedere per ricordare l’Olocausto

La figuraccia italiana con il Memoriale di Auschwitz: il governo non risponde all’invito per il 27 gennaio (di G. Cavalli)

Una gita ad Auschwitz (di D. Lerner)

Giornata della Memoria, cosa è stato il Porrajmos: lo sterminio dimenticato di rom e sinti

Giornata della Memoria 2020: ecco tutti gli eventi e le iniziative in Italia

8
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.