Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

La figuraccia italiana con il Memoriale di Auschwitz: il governo non risponde all’invito per il 27 gennaio

Immagine di copertina

La figuraccia italiana con il Memoriale di Auschwitz: il governo non risponde all’invito per il 27 gennaio

Dai, su, fate i seri e decidete in fretta quale componente del governo italiano sarà presente il prossimo 27 gennaio al 75esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Mesi fa il Memoriale di Auschwitz ha invitato ufficialmente lo Stato italiano, così come tutti gli Stati europei, alle celebrazioni e l’Italia non c’è ancora nella lista degli Stati presenti.

Ci sono praticamente tutti, c’è l’Albania, Australia, Austria, Azerbaijan, Bielorussia, Belgio, Canada, Croazia, Cipro, la Repubblica Ceca, la Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Israele, Kazakhstan, Latvia, il Lichtenstein, la Lutiania, Lussemburgo, Malta, Moldavia, il Principato di Monaco, Olanda, Nuova Zelanda, la Norvegia, la Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, la Turchia, Ucraina, il Vaticano, Il Regno Unito, gli Usa, le Nazioni Unite, l’Unesco e nessuna conferma da parte del governo italiano.

È lo stesso Memoriale che ha ribattuto in tutto il mondo la notizia dell’esigenza di scorta per la senatrice Liliana Segre (perché noi non ci facciamo mai mancare le brutte figure internazionali) ed è lo stesso Museo che ogni anno viene visitato da ragazzi di tutto il mondo per mantenere vivo il ricordo di un momento storico che oggi più che mai ha bisogno di essere tenuto saldo.

“Chi entra nel memoriale della Shoah trova scritta una parola: indifferenza”, disse a dicembre scorso proprio Liliana Segre. “Da senatrice ho depositato un disegno di legge per istituire una commissione parlamentare bicamerale di monitoraggio e di controllo sugli hate speech”, i discorsi dodio. Un invito che il Consiglio d’Europa ha fatto ai 47 Stati membri, il nostro sarebbe il primo caso. Le parole d’odio sono l’anticamera della fine della democrazia. L’imbarbarimento del linguaggio è arrivato a livelli intollerabili”.

Siamo davvero sicuri che non sia urgente confermare la propria partecipazione a pochi giorni dal triste anniversario? Cos’è? Una dimenticanza? Ci si può dimenticare di una cosa del genere, qui, da noi, in questo momento? Il Memoriale, forse vale la pena ricordarlo, è lo stesso che si indignò per la vignetta del fumettista Marione. Ora sta chiamando a raccolta gli Stati europei per mostrarsi uniti contro quell’orrore e l’Italia, per ora, non ha ancora risposto. Tutto bene? Tutto normale?

Leggi anche:
Salvini che si paragona a Liliana Segre è la minimizzazione più imbarazzante del Capitano (di G. Cavalli)
Una gita ad Auschwitz (di D. Lerner)
Il figlio di Liliana Segre a TPI: “Indegno che mia madre sia finita sotto scorta solo perché testimonia gli orrori di Auschwitz”
Il 27 gennaio è la Giornata della Memoria delle vittime dell’Olocausto
L’annuncio di Conte: “L’Italia avrà un Coordinatore nazionale per la lotta contro l’antisemitismo”
“Io che ho vissuto Auschwitz sulla mia pelle, vi avverto: attenti a questa campagna d’odio”, intervista a Liliana Segre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La tragedia del Pertini è il risultato di una narrazione tossica che romanticizza i dolori della maternità
Opinioni / Se il Pd pensa solo alle alleanze è un problema per tutto il centrosinistra (di S. Mentana)
Costume / Questo modello del lavoro non ci rende felici. E 1,6 milioni di italiani hanno detto basta (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La tragedia del Pertini è il risultato di una narrazione tossica che romanticizza i dolori della maternità
Opinioni / Se il Pd pensa solo alle alleanze è un problema per tutto il centrosinistra (di S. Mentana)
Costume / Questo modello del lavoro non ci rende felici. E 1,6 milioni di italiani hanno detto basta (di G. Gambino)
Opinioni / Se ci si insulta in rete è anche perché non diamo valore a ciò che scriviamo (di S. Mentana)
Opinioni / I pompieri della Grenfell Tower hanno il cancro: così la nostra società li ha condannati a morte (di G. Gambino)
Opinioni / Il semipresidenzialismo di Meloni aumenta le disuguaglianze (di P. Maddalena)
Opinioni / Un’alternativa credibile alla destra è possibile (di G. Gambino)
Opinioni / Parenti serpenti: così le parole del fratello di Francesco Rocca mettono a rischio la sua candidatura alla Regione Lazio
Opinioni / Il “pauperismo delle élite” contro Conte: ecco perché si possono difendere i più deboli pur andando a Cortina (di L. Telese)
Economia / Perché in Italia la settimana corta resta un tabù