L’annuncio di Conte: “L’Italia avrà un Coordinatore nazionale per la lotta contro l’antisemitismo”

La nomina venerdì in Consiglio dei ministri: la scelta è caduta sulla professoressa Milena Santerini

Di Anna Ditta
Pubblicato il 15 Gen. 2020 alle 22:59 Aggiornato il 17 Gen. 2020 alle 14:58
659
Immagine di copertina
A sinistra il premier Conte. A destra Milena Santerini

Conte: “L’Italia avrà Coordinatore nazionale per la lotta contro l’antisemitismo”

“L’Italia venerdì avrà il “Coordinatore nazionale per la lotta contro l’antisemitismo”. L’annuncio è arrivato su Twitter dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Al Consiglio dei Ministri nomineremo la professoressa Milena Santerini“.

“Grazie al Presidente Giuseppe Conte per la nomina a coordinatrice per la lotta al l’antisemitismo in Italia“, ha twittato Santerini poco dopo. “Il 27 gennaio ricorderemo fin dove può arrivare l’odio che tutti insieme dobbiamo combattere”.

Milena Santerini, docente nella Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del S.Cuore di Milano, è stata deputata alla Camera nella scorsa legislatura nel gruppo Demos-Centro Democratico.

“Ha a cuore i problemi della scuola, della famiglia, della coesione sociale”, si legge sul suo sito. “Lavora da anni per i diritti dei bambini e per l’inclusione di chi è straniero. Ritiene che per far crescere la società italiana occorra valorizzare le competenze degli insegnanti, creare senso di cittadinanza, integrare le nuove generazioni, far dialogare le culture”.

“Considera necessario vincere i processi di discriminazione contro i più deboli e le minoranze contrastando razzismo, antisemitismo, islamofobia, antigitanismo”, prosegue la sua biografia. “I suoi studi e progetti sono rivolti a far crescere l’empatia e la responsabilità per una nuova convivenza civile. Vuole promuovere la famiglia e crede nell’educazione per unire le generazioni e creare solidarietà tra persone tutte uguali/tutte diverse”.

Leggi anche:

Salvini organizza un convegno sull’antisemitismo e invita Liliana Segre. Lei risponde: “Grazie ma sono impegnatissima”

659
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.