Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Nike cambia slogan dopo la morte di George Floyd: “Don’t do it”. L’emozionante spot

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 1 Giu. 2020 alle 11:10 Aggiornato il 1 Giu. 2020 alle 15:25
1.6k

Nike cambia slogan: la campagna contro il razzismo recita “Per una volta, non lo fare”

Il nuovo spot della Nike contro il razzismo. “Per una volta, non lo fare” recita lo slogan, realizzato in seguito all’uccisione di George Floyd per mano di un poliziotto. Gli Stati Uniti sono in piena rivolta, le manifestazioni e le forti violenze scatenatesi dopo la morte di Floyd hanno spinto anche la Nike a modificare il suo celebre slogan, da “Just do it” (Fallo) a “For once, don’t do it”.

Come leggiamo dallo spot, il marchio sportivo più famoso al mondo ha lanciato un messaggio importante via Twitter: “Per una volta non lo fare, non far finta che non sia un problema in America. Non girare le spalle al razzismo, non accettare che vite innocenti vengano portate via, non inventare più scuse”. Nike, del resto, ha tra i suoi testimonial tantissime star dello sport afroamericane. Lo spot della Nike dura appena un minuto, ma l’appello è forte e ha avuto già milioni di visualizzazioni. “Non pensare che questo non ti riguardi”, si legge nel video. “Non restare in silenzio, non pensare che non puoi essere parte del cambiamento. Cerchiamo tutti di essere parte del cambiamento”.

Anche Adidas ha seguito l’esempio della Nike: ha ricondiviso il video della concorrenza e ha aggiunto: “Insieme è il modo per andare avanti. Insieme è il modo per cambiare”. I fan sui social hanno poi chiesto alle due grandi aziende di collaborare e realizzare una nuova linea d’abbigliamento per portare questo messaggio ovunque.

Leggi anche:

1. New York, la polizia investe con le auto la folla che protesta per la morte di George Floyd | VIDEO / 2. Denver, manifestanti stesi a terra mimano la posizione in cui è morto George Floyd: “I can’t breathe” | VIDEO / 3. L’autopsia esclude la morte per asfissia di George Floyd. “Non è stato strangolato”. Ma la famiglia chiede consulenza indipendente

1.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.