Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Gravina: “Tifosi allo stadio? Spero entro metà luglio”

Immagine di copertina

Gravina: “Tifosi allo stadio? Spero entro metà luglio”

“Mi auguro che per i primi di luglio si possano riaprire le porte degli stadi agli spettatori”. Queste le parole del presidente della Figc Gabriele Gravina, nel corso di un’intervista ai microfoni della trasmissione radiofonica Deejay Football Club su Radio Deejay. “Ho pensato ad una strana coincidenza. Ieri sera avremmo dovuto inaugurare gli Europei con Italia-Turchia, ed invece è ripartito il calcio italiano: questo credo che sia motivo di grande orgoglio”.

“Equilibrio, dialogo e coerenza: tre elementi fondamentali che hanno portato a centrare un obiettivo importante per tutti – le parole del presidente della Figc -. Quello di ieri (Juventus-Milan, ndr) è stato un ultimo piccolo tassello che serviva per fugare qualsiasi tipo di dubbio in merito alla proiezione dei nostri campionati. Manca ancora un tassello, che a me sta molto a cuore: la partecipazione dei tifosi, che spero avvenga in tempi molto rapidi. Mi auguro che per i primi di luglio si possano riaprire le porte agli spettatori: vorrebbe dire che il nostro Paese è uscito da questo momento particolarmente buio. Sono convinto che tra i tifosi e il calcio italiano ci sia stato un filo che non si è mai spezzato, quello della passione che ha sempre contraddistinto i vincoli forti del nostro mondo”.

Gravina ha poi concluso: “Abbiamo avuto momenti difficili. Mi viene in mente il fondo salva-calcio: è stata demolita un’iniziativa positiva per la ripartenza. Il rapporto con Paolo Dal Pino e con la Lega Calcio è stato un elemento di forza: quel supporto, quella spinta per trovare energia e forza per individuare una nuova progettualità, con l’auspicio che tutto il calcio possa riunirsi sotto un unico linguaggio ed un unico progetto. Questa è una vittoria di tutti”.

Ti potrebbe interessare
Sport / Scherma, Di Francisca critica Errigo e il ct e viene sommersa dagli attacchi
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / I “demoni” che hanno costretto Simone Biles al ritiro hanno un nome: cosa sono i “twisties”
Ti potrebbe interessare
Sport / Scherma, Di Francisca critica Errigo e il ct e viene sommersa dagli attacchi
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / I “demoni” che hanno costretto Simone Biles al ritiro hanno un nome: cosa sono i “twisties”
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Sport / Oro e bronzo nel canottaggio. Clamoroso argento di Paltrinieri negli 800 sl
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Pellegrini “forte” vs Biles “fragile”: così Repubblica racconta le donne delle Olimpiadi
Sport / Tokyo 2020, la resurrezione di Primoz Roglic