Me

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell’Inter: l’annuncio ufficiale del club

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 31 Mag. 2019 alle 07:13 Aggiornato il 31 Mag. 2019 alle 07:25
Immagine di copertina

Antonio Conte nuovo allenatore dell’Inter | Annuncio ufficiale | Staff | Icardi

ANTONIO CONTE INTER – Era nell’aria da tempo, ma adesso è arrivata l’ufficialità. Antonio Conte, da settimane accostato all’Inter, è il nuovo allenatore dei nerazzurri. A Milano ritrova l’amministratore delegato Beppe Marotta, che conosce e stima dai tempi della Juventus. E adesso i tifosi sperano in un mercato da sogno.

L’Inter ha annunciato l’arrivo di Conte alle 6 di mattina di venerdì 31 maggio 2019, quando in Cina era mezzogiorno in punto. Queste le prime parole del nuovo allenatore: “Cercherò con il lavoro di ricambiare la fiducia che l’Inter ha riposto in me. Ho scelto l’Inter per la società, per la serietà e l’ambizione del progetto. Per la sua storia. Mi ha colpito la chiarezza del club e la voglia di riportare l’Inter dove merita”.

antonio conte inter

Il presidente dell’Inter, Steven Zhang, ha così salutato l’arrivo di Conte: “Sono sicuro che Antonio sia uno dei migliori allenatori che esistano. Sono certo che ci aiuterà a raggiungere il nostro obiettivo, a realizzare la nostra missione che è sempre la stessa: riportare questo club tra i migliori al mondo”.

Si chiude dopo due stagioni l’era di Luciano Spalletti sulla panchina dell’Inter. Non è bastata dunque al tecnico di Certaldo la qualificazione alla prossima Champions League, arrivata per la verità per il rotto per la cuffia, grazie al successo all’ultima giornata di Serie A contro l’Empoli. L’Inter ha optato alla fine per il cambio di guida tecnica, ingaggiando un vero e proprio big della panchina.

La classifica finale della Serie A 2018-2019: ecco tutti i verdetti della stagione e i marcatori

Conte, 49 anni, arriva all’Inter con un contratto da 12 milioni a stagione per tre anni. Già oggi, dopo l’annuncio, l’allenatore nerazzurro si è messo a lavoro. Stasera, infatti, partirà per Madrid per la finale di Champions League tra Liverpool e Tottenham.

Antonio Conte porta con sé all’Inter uno staff tecnico del tutto rinnovato. Il suo vice, infatti, sarà Cristian Stellini, suo storico collaboratore sia nell’esperienza al Siena che in quella alla Juventus.

Un altro dei collaboratori di Conte sarà Paolo Vanoli, che ha già affiancato l’allenatore pugliese al Chelsea. Tra gli assistenti del nuovo tecnico dell’Inter ci sarà anche il fratello, Gianluca Conte, in qualità di osservatore.

Per quanto riguarda invece i preparatori atletici, spazio allo spagnolo Julio Tous e a Costantino Coratti. Tiberio Ancora sarà il nutrizionista e il personal trainer, mentre rimane il preparatore dei portieri di questa stagione, Adriano Bonaiuti.

Infine, Lele Oriali avrà un ruolo di collegamento tra i giocatori e la dirigenza. Ma ci sono ancora alcuni dubbi: chi sarà il team manager? Forse Fabio Pinna.

Antonio Conte: “Allenare la Roma? No, adesso non ci sono le condizioni”

Antonio Conte Inter | La situazione Icardi

Una delle situazioni più spinose che Conte si troverà ad affrontare una volta giunto all’Inter è sicuramente quella di Mauro Icardi. L’ex capitano nerazzurro ha vissuto una delle peggiori stagioni della sua carriera, durante la quale ha perso la fascia, è stato estromesso per un periodo dalle liste dei convocati da Spalletti ed è stato sul punto di lasciare il club.

Nelle ultime settimane prima della fine del campionato, Icardi ha ribadito la sua volontà di restare all’Inter. Conte sarà d’accordo? L’argentino è sicuramente funzionale per il tipo di gioco voluto dall’allenatore ex Juventus e Chelsea, con una punta di movimento che affianca una punta statica.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Ma bisogna vedere se Conte valuterà Icardi come un giocatore valido e autorevole all’interno dello spogliatoio.

Antonio Conte Inter | Il mercato con il nuovo allenatore

Adesso che l’arrivo di Conte è ufficiale, tutti i tifosi dell’Inter si scatenano nel cercare di capire quale sarà l’Inter che verrà. Quasi certo il cambio di ruolo, con il passaggio al 3-5-2 tanto caro all’allenatore pugliese, adesso bisogna capire quali saranno le pedine a disposizione sulla scacchiera nerazzurra.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Detto del caso Icardi, è pur vero che da settimane si parla di un possibile approdo all’Inter di Edin Dzeko, centravanti della Roma che ha già annunciato di non essere sicuro di rimanere in giallorosso. Accanto a lui, se Icardi andasse via, potrebbe anche agire Paulo Dybala, in un ipotetico scambio alla pari – proprio per Icardi – con la Juventus.

Per due grandi mosse in attacco, è anche vero che i paletti del Fair Play Finanziario impongono all’Inter di realizzare una plusvalenza di almeno 40 milioni entro la fine di giugno. Ecco perché ci sono due grandi indiziati a partire: uno è Icardi, l’altro è Ivan Perisic, che ha tanti estimatori.

Probabile dunque che sul mercato l’Inter vada alla ricerca di un esterno sinistro capace di sostituire il croato a giocare, a tutto campo, come quinto di centrocampo. Intoccabile invece la difesa, che perderà sicuramente Miranda ma potrà vantare di avere un muro formato da Skriniar, De Vrij e Godin (in arrivo dall’Atletico Madrid).

Antonio Conte Inter | L’addio di Luciano Spalletti

La decisione della società nerazzurra di cambiare allenatore era stata ampiamente anticipata da giornali e tv. E anche preventivata dallo stesso Spalletti, che durante l’ultima intervista di fine campionato non aveva risparmiato frecciatine all’Inter.

“Sono ai saluti?”, aveva detto. “Questo non lo so, alla Juventus hanno messo in discussione Allegri dopo l’Ajax, ma Agnelli lo ha subito confermato. Poi però è stato cambiato: da queste cose si impara. Io via? Non so, ma a questo punto se va a finire in modo diverso sì che mi sorprendo: non siamo mica su Scherzi a parte?”.

Adesso, Spalletti lascia definitivamente i nerazzurri, dopo due stagioni durante le quali sono arrivate due qualificazioni alla Champions League.