Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

È morto Gigi Proietti. Addio al grande attore: era ricoverato a Roma per problemi cardiaci

Di Luca Serafini
Pubblicato il 2 Nov. 2020 alle 06:20 Aggiornato il 2 Nov. 2020 alle 07:39
589
Immagine di copertina
Gigi Proietti. Credit: ANSA/ANGELO CARCONI

È  morto Gigi Proietti. L’attore era ricoverato in terapia intensiva per problemi cardiaci (non legati al Covid) in una clinica romana. Proietti oggi, 2 novembre, avrebbe compiuto 80 anni. L’attore era ricoverato da diversi giorni, ma le sue condizioni si sono aggravate nella giornata di domenica 1 novembre. In clinica, assieme a lui fino all’ultimo momento, c’erano la moglie Sagitta Alter e le due figlie Susanna e Carlotta. “Nelle prime ore del mattino è venuto a mancare all’affetto della sua famiglia Gigi Proietti. Nelle prossime ore daremo comunicazione delle esequie”, è l’annuncio della famiglia dell’attore romano.Nel passato l’attore aveva sofferto di cuore e nel 2010 venne ricoverato in terapia intensiva all’ospedale San Pietro di Roma in seguito a una forte tachicardia.

Se ne va uno dei grandissimi del teatro italiano, Gigi Proietti, icona dell’umorismo, cuore di Roma, figlio di una nazione che oggi più che mai avrebbe bisogno d’ironia. Lo stesso sorriso beffardo che il destino ha gettato come i dadi sul calendario, l’entrata e l’uscita dalla vita: Gigi Proietti è morto il 2 novembre, il giorno del suo compleanno. “Che dobbiamo fa’”, diceva Proietti prendendosi gioco di se stesso, come sa fare ogni grande persona, “la data è quella che è”. Proietti era ricoverato in una clinica romana in gravi condizioni, problemi cardiaci per una vita da cuore matto.

La carriera di Gigi Proietti

Nato a Roma il 2 novembre 1940, artista poliedrico, Gigi Proietti ha ricoperto nella sua carriera numerosi ruoli: attore, regista, cabarettista, doppiatore, conduttore televisivo. Si è affermato inizialmente nel teatro, poi anche nel cinema e in televisione. Gli esordi in teatro risalgono agli anni dell’università, poi dal 1970 l’attore romano è stato protagonista di grandi successi come Caro Petrolini, Cyrano, I sette re di Roma. I suoi spettacoli teatrali più famosi, come A me gli occhi, please, arrivano grazie alla collaborazione con lo scrittore Roberto Lerici. In televisione resta celebre la sua interpretazione, a partire dal 1996, del Maresciallo Rocca, serie tv tra le più seguite in Italia. Proietti era stato protagonista anche di altre serie tv di successo come Un figlio a metà e Italian Restaurant. L’attore romano si è affermato nel corso del tempo anche nel varietà, con programmi quali Fantastico e Fatti e Fattacci. 

Gigi Proietti è stato anche un grande doppiatore, prestando la sua voce ad attori come Richard Burton, Richard Harris, Marlon Brando, Robert de Niro e Dustin Hoffman. Romano doc, Proietti aveva un rapporto simbiotico con la sua città. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera lo scorso marzo, l’attore aveva dichiarato: “Sto pensando a un Molière e vorrei pure rifare, con una compagnia tutta di giovani attori, ‘L’Opera del mendicante’ di John Gay”.

589
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.