Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

La Camera dei deputati approva la riforma che taglia 345 parlamentari

Immagine di copertina
La Camera dei Deputati

Il testo passato in quarta lettura alla Camera elimina 345 parlamentari su 945

La Camera dei deputati approva in via definitiva la riforma sul taglio dei parlamentari

La riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari ha ottenuto il via libera del Parlamento: oggi, martedì 8 ottobre 2019, la Camera dei deputati ha approvato definitivamente la riforma che riduce il numero di deputati e senatori. I voti a favore sono stati 553, quelli contrari 14.

L’Aula di Montecitorio ha dato il via libera definitivo in quarta e ultima lettura alla proposta di legge costituzionale che prevede un taglio dei parlamentari dagli attuali 945 a 600.

Per l’approvazione della riforma c’era bisogno alla Camera della maggioranza assoluta dei voti, almeno 316 su complessivi 630 seggi.

Cosa succede ora

La riforma che riduce il numero dei parlamentari diventerà legge a meno che non venga chiesto un referendum confermativo.

L’articolo 138 della Costituzione infatti stabilisce che le leggi costituzionali sono sottoposte a referendum popolare se entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne fanno domanda un quinto dei membri di una Camera o 500mila elettori o cinque Consigli regionali. Il referendum confermativo non prevede il raggiungimento del quorum del 50 per cento di partecipazione.

Cosa cambia con il taglio dei parlamentari

Ma cosa cambia con la riforma? Con la legge del taglio dei parlamentari, il numero dei deputati calerà da 630 a 400. Quello dei senatori invece da 315 a 200. Ci sarà quindi il 36,5 per cento in meno degli attuali componenti elettivi, 230 deputati e 115 senatori in meno.

Ci sarà un cambiamento rilevante nel rapporto tra parlamentari eletti e abitanti. Fino ad oggi in Italia, considerando con 945 parlamentari eletti e i 60,4 milioni di abitanti, il rapporto è di un eletto ogni 64mila persone. Con 600 parlamentari eletti invece il rapporto dovrebbe diventare di un eletto ogni 101mila abitanti.

Cosa cambia e quanto si risparmia

Come siamo arrivati qui, l’iter di approvazione

La Costituzione stabilisce che le leggi costituzionali devono essere adottate da Camera e Senato con due successive deliberazioni con un intervallo di almeno tre mesi, e devono essere approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione.

Queste le tappe che hanno condotto fino all’approvazione in quarta lettura della legge costituzionale sul taglio dei parlamentari:

  • Senato prima deliberazione: 7 febbraio 2019 (qui le info)
  • Camera prima deliberazione: 9 maggio 2019 (qui le info)
  • Senato seconda deliberazione: 11 luglio 2019 (qui le info)
  • Camera seconda deliberazione: 8 ottobre 2019.

La sottosegretaria Malpezzi a TPI: “Il voto Pd rispecchia accordi complessivi”

Stumpo di Leu a TPI: “Il taglio dei parlamentari non basta, più servizi ai cittadini”

Bonino a TPI: “Il taglio dei parlamentari è una proposta demagogica”

Il rischio scissione nel M5S contro Di Maio

Ti potrebbe interessare
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”
Politica / L’assembramento dei migliori nel nome di Draghi non è quello che serve all’Italia
Politica / Scontro Di Maio-Gruber: "Per screditarmi mi hanno dato dell'omosessuale". Lei: “Nel 2021 è un discredito?"
Ti potrebbe interessare
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”
Politica / L’assembramento dei migliori nel nome di Draghi non è quello che serve all’Italia
Politica / Scontro Di Maio-Gruber: "Per screditarmi mi hanno dato dell'omosessuale". Lei: “Nel 2021 è un discredito?"
Politica / Ddl Zan, che cos’è la “tagliola” e come funziona la procedura speciale
Politica / Draghi va allo scontro con i sindacati sulla legge di bilancio, possibile sciopero generale
Politica / Ddl Zan, il Senato vota Sì alla “tagliola”: stop alla legge con 154 voti favorevoli a scrutinio segreto
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”