Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Le 6.000 Sardine registrano il marchio in Ue e si ritrovano in piazza anche a New York

Immagine di copertina
Il logo delle Sardine

Le Sardine registrano il loro marchio in Ue

Le Sardine travalicano i confini nazionali – non solo fisicamente – e arrivano in Ue: il loro marchio ufficiale è stato registrato all’Ufficio della Ue per la proprietà intellettuale (Euipo). L’atto ufficiale è stato depositato il 21 novembre a nome dei quattro ragazzi che hanno organizzato la prima manifestazione, quella di Bologna del 14 novembre.

Nel simbolo depositato in Ue c’è la scritta “6.000 sardine“, accompagnata dall’immagine dei pesci con una nuvola bianca in cui comparirà il nome della prossima piazza da riempire e l’ormai immancabile slogan “non si lega”. L’dea degli organizzatori è quella di difendersi dai fake sempre dietro l’angolo.

La “carta dei valori” delle Sardine: stilati i dieci punti su cui si basa il movimento

“Lo abbiamo fatto per tutelarci, perché non tutti gli eventi organizzati sono in linea con noi”, ha spiegato Mattia Santori, portavoce del movimento delle Sardine. “Ecco, col marchio registrato potremo sconfessare eventi che non ci appartengono, dire ‘no, questi non siamo noi’ con una certa ufficialità”, ha detto ancora Santori. Come è successo già a Milano, dove all’account ufficiale dell Sardine se ne è affiancato uno falso che ha diffuso informazioni sbagliate sul’appuntamento milanese programmato per il prossimo primo dicembre.

E intanto le Sardine “conquistano” anche altre città. Oltreoceano le Sardine si sono date appuntamento a New York, a Washington Square, il prossimo 24 novembre.

Matteo Salvini a TPI: “Le sardine? Pronto ad ascoltarle. Non vedo l’ora di vincere in Emilia Romagna”

Il movimento spontaneo nato a Bologna a metà novembre si è ritrovato anche in altre piazze italiane. Solo qualche giorno dopo, l’esperimento è continuato a Modena, dove le Sardine si sono ritrovate in oltre seimila in piazza. Ma non solo in Emilia Romagna, perché i manifestanti si organizzano e scendono in piazza seguendo le tappe di Matteo Salvini. E così il 21 novembre l’appuntamento si è spostato al sud: a Sorrento in centinaia si sono ritrovati, ancora sotto la pioggia, a contestare l’arrivo del leader della Lega e così sarà anche nelle prossime settimane, quando le Sardine si riuniranno ancora, con i loro cartoncini colorati in mano, per contestare Matteo Salvini.

“Ho visto le sardine di Bologna e ho deciso di fare lo stesso a Modena: in piazza contro l’odio di Salvini”

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Politica / Congedo di paternità, la proposta del Pd: “Portarlo da 10 giorni a 3 mesi”
Politica / Fico risponde al Vaticano sul ddl Zan: “Il Parlamento è sovrano e non accettiamo ingerenze”
Opinioni / Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”
Politica / Draghi in parlamento: "La fiducia sta tornando, ripresa sarà sostenuta"
Politica / Orfini al TPI Fest: “A Tor Bella Monaca Letta ha fatto una passerella”
Opinioni / Anziché intromettersi sul ddl Zan il Vaticano pensi ai reati sessuali dei preti
Politica / L'Ue approva il Recovery dell'Italia, Von der Leyen: "Piano ambizioso". Draghi: "Ora spendere bene e con onestà"