Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Lega, dopo le Regionali Salvini rivoluziona il partito: “Ci saranno una segreteria e dei dipartimenti”

Immagine di copertina
Credits: Ansa / Matteo Corner

Salvini rivoluziona la Lega: “Ci saranno una segreteria e dei dipartimenti”

Le elezioni Regionali di qualche giorno fa e il referendum sul taglio dei parlamentari non hanno portato alla spallata che la Lega di Matteo Salvini voleva dare al Governo Conte, ma anzi hanno finito per mettere in discussione la leadership del segretario del Carroccio, bersagliato in questi giorni sia dagli oppositori che da alcuni alleati. Così, in una fase di riflessione per un partito che sognava un 6-0 nelle Regioni e si è invece dovuto “accontentare” di un 3-3, si rendono necessari una serie di cambiamenti. Che lo stesso Salvini ha annunciato ieri, durante la trasmissione Porta a Porta su Rai 1. La Lega, infatti, da adesso avrà una segreteria e dei dipartimenti. “Io più delego – ha detto il segretario – e più son contento. È un momento in cui la società ha bisogno di risposte precise. Abbiamo creato dei dipartimenti. Quindi ci stiamo organizzando alla vecchia maniera. Non credo al partito di plastica, alla piattaforma Rousseau e al partito spot, credo ai consiglieri comunali e regionali”.

L’intenzione, dunque, è quella di dare una struttura più articolata al partito. Tra i nomi che circolano per il ruolo di capo dei vari dipartimenti, ci sono l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti agli esteri, gli ex ministri Gian Marco Centinaio all’agricoltura, Erika Stefani all’autonomia, Giulia Bongiorno alla Giustizia, l’ ex candidata in Emilia-Romagna Lucia Borgonzoni alla cultura, il senatore Alberto Bagnai all’economia. Con questa apertura, Salvini spera di calmare i malumori emersi nei giorni scorsi non solo all’interno del suo partito, con il confermato governatore del Veneto Luca Zaia che non ha risparmiato una frecciatina al Capitano, ma anche in tutta la coalizione. Proprio ieri infatti il presidente della Liguria e leader di “Cambiamo!”, Giovanni Toti, ha parzialmente fatto marcia indietro dopo alcune dichiarazioni in cui diceva che Salvini, “a forza di spallate, rimedia una lussazione dopo l’altra”. Il suo, ha spiegato in un secondo momento Toti, voleva essere solo “uno sprone a costruire il centrodestra del futuro”.

Lo stesso governatore ligure ha poi fatto una proposta, ovvero quella di “costruire una costituente del nuovo centrodestra, una federazione nuova di forze, che raccolga tutte le energie. Se Salvini vuole essere il leader del centrodestra e ritengo che sia l’unico che in base ai numeri i cittadini hanno investito di questo compito, dovrebbe togliersi la maglietta della Lega, come fece ai tempi Berlusconi, e mettere un coordinatore del Carroccio”. Ma il segretario predica calma: “Ogni cosa a suo tempo – ha risposto – e in questo momento l’emergenza sono scuola e lavoro. Io mi occupo di dare risposte. Poi le maglie uno le mette e le toglie a seconda delle stagioni”.

Leggi anche: 1. Elezioni, adesso nella Lega cresce il dissenso verso Salvini. Lui: “Meloni o Zaia leader? Non ho competitor interni” / 2. Il centrosinistra stravince e asfalta la Lega (di Giulio Gambino) / 3. Elezioni regionali Puglia, Emiliano a TPI: “Ora allargare maggioranza a M5S. Renzi? Non ho niente da dire” | VIDEO / 4. Toti contro Salvini: “A forza di spallate, rimedia una lussazione dopo l’altra”

5. Renzi e Salvini: i veri sconfitti di queste regionali sono i due Matteo / 6. Regionali Campania, De Luca: “Io sostenuto anche da destra non ideologica” / 7. Referendum, Ceccanti (Pd) a TPI: “La vittoria del Sì è la prima tappa del nostro percorso” / 8. Regionali Campania, Gennaro Migliore (Italia Viva) a TPI: “Rapporto con i 5 Stelle solo occasionale”

Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Ti potrebbe interessare
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani
Politica / A cena con Matteo? “Costa 20mila euro”
Politica / Chi paga Renzi? Bonifici per 2,6 milioni di euro da Arabia Saudita, Benetton e società di investimenti
Cronaca / Mattarella: “Violenza contro le donne è un fallimento della nostra società”
Politica / Nomine, affari e potere: il grande risiko delle poltrone nelle carte dell’inchiesta Open