Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Referendum sul taglio dei parlamentari: i risultati

Referendum sul taglio dei parlamentari: i risultati definitivi

Chiuse le urne alle 15, c’è grande attesa per conoscere i risultati definitivi del referendum sul taglio dei parlamentari, anche se i primi exit poll non lasciano spazio a dubbi con il Sì che avrebbe prevalso nettamente sul No.

Referendum taglio parlamentari: i risultati

Sì: 69,41 %
No: 30,59%

Sezioni: 50.330 / 61.622

Referendum sul taglio dei parlamentari: gli exit poll

4a Proiezione Rai

Sì: 68,1 %
No: 31,9%

3a Proiezione Rai

Sì: 67,8 %
No: 32,2%

2a Proiezione Rai

Sì: 66,7 %
No: 33,3%

1a Proiezione Rai

Sì: 65,6 %
No: 34,4%

2° Exit Poll Rai

Sì: 62-66%
No: 34-38%

1° Exit Poll Rai

Sì: 60-64%
No: 36-40%

Il referendum, che sarebbe dovuto tenersi a marzo, è stato rinviato a causa dell’emergenza Coronavirus e accorpato alle elezioni Regionali che si sono tenute in Veneto, Liguria, Marche, Toscana, Campania, Puglia e Valle d’Aosta e per le quali si è votato, così come per il quesito referendario, il 20 e 21 settembre 2020.

Referendum sul taglio dei parlamentari: cosa prevede la riforma

Approvata in via definitiva dal Parlamento l’8 ottobre 2019, quando la Camera con 553 voti favorevoli e 14 contrari ha dato il via libera alla legge, la riforma prevede un taglio dei parlamentari dagli attuali 945 a 600. I componenti elettivi di Camera e Senato si riducono del 36,5 per cento con 230 deputati e 115 senatori in meno. I deputati, infatti, scendono dagli attuali 630 a 400, mentre i senatori calano dagli attuali 315 a 200. Con l’approvazione della riforma, inoltre, saranno ridotti anche i parlamentari eletti dagli italiani all’estero con i deputati che passeranno da 12 a 8 e i senatori che si ridurranno da 6 a 4. Stabilito anche un tetto massimo di senatori a vita che il presidente della Repubblica potrà nominare: mai più di 5.

TUTTO SULLE ELEZIONI REGIONALI 2020
TAGLIO DEI PARLAMENTARI: TUTTO SUL REFERENDUM COSTITUZIONALE
Leggi anche:
Regionali, 3 scenari per il dopo-elezioni (di Luca Telese)
Referendum, perché votare Sì contro l’establishment e la monarchia editoriale (di Alessandro Di Battista)
Referendum, Francesco Merlo a TPI: “Votare no per fermare i progetti eversivi del M5s e della destra”
Giovani per il No, over 50 per il Sì: il paradosso generazionale sul referendum
Ti potrebbe interessare
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Ti potrebbe interessare
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna
Politica / Piantedosi: “Condivido richiamo Mattarella, anche sugli insulti. Scontri casi isolati”
Politica / Malumore in Forza Italia per le continue assenze di Marta Fascina
Politica / Sardegna, vince il centrosinistra. La neo-presidente Todde: "Alleanza M5S-Pd unica via". Meloni: "Impareremo dalla sconfitta". Salvini: "Il Governo è saldo"
Politica / Europee, Salvini continua a "corteggiare" Roberto Vannacci
Politica / Elezioni regionali in Sardegna, affluenza in aumento: 44,1% alle 19
Politica / Il richiamo del Colle contro i manganelli ai cortei pro-Palestina, la destra non ci sta: “È colpa della Sinistra e dei provocatori”