Me
HomePolitica

M5S, Di Maio ammette le sue difficoltà: “Al Senato non riesco a tenere i miei”

La preoccupazione del capo politico durante il confronto nel governo sul caso ex Ilva

Di Donato De Sena
Pubblicato il 7 Nov. 2019 alle 07:09 Aggiornato il 7 Nov. 2019 alle 07:37
Immagine di copertina
Luigi Di Maio al Quirinale

M5S, Di Maio: Al Senato non tengo i miei

Sono momenti duri per il M5S, sempre più giù nei sondaggi sulle intenzioni di voto ad eventuali elezioni politiche. Ma le difficoltà non riguardano solo il consenso. Come riporta oggi Repubblica Luigi Di Maio nelle ore di confronto nel governo sulla vicenda Ex Ilva e Ancelor Mittal, avrebbe ammesso di non riuscire a controllare il gruppo del Movimento 5 Stelle al Senato.

Il ministro degli Esteri e capo politico dei pentastellati lo avrebbe riferito ai colleghi di governo. Il Pd e il premier Giuseppe Conte sul caso dell’acciaieria di Taranto valutano l’opportunità di approvare un decreto ad hoc per introdurre un nuovo scudo penale per gli amministratori impegnati nell’ambientalizzazione dello stabilimento. Ma nel M5S non tutti sono disponibili a dare il loro via libera.

Ilva, Conte incontra i vertici di Arcelor Mittal: “Saremo inflessibili sul rispetto degli impegni”

Come ricostruisce Repubblica ieri dal Movimento al Pd è stato recapitato un messaggio preoccupante: “Stasera non provate a forzare la mano, perché noi votiamo contro”. E Di Maio avrebbe ammesso davanti agli altri ministri che a Palazzo Madama le truppe pentastellate non sono governabili. “Non posso darvi garanzie, non sono controllabili”, avrebbe affermato.

“Non posso rischiare – è un’altra affermazione attribuita al ministro – di spaccare il Movimento per ottenere uno scudo che probabilmente non servirà a fermare Mittal”.

Alla fine Conte, dopo la riunione del governo, ha spiegato che l’esecutivo lavora a un decreto, ma ha concesso altre 48 ore per dare ai tecnici di trovare la soluzione legislativa migliore. E al M5S “la possibilità di convincere i gruppi parlamentari”.

ArcelorMittal avvia la procedura per restituire 12 stabilimenti e 10.777 lavoratori ex Ilva allo Stato

Fim-Cisl proclama lo sciopero all’ex Ilva di Taranto, critiche da Uilm: “No a decisioni sindacali solitarie”

Ilva, ministro Provenzano: “Da Mittal non accettiamo nessun alibi, non ci sono i presupposti per il diritto di recesso” | VIDEO

Ilva, Bonelli (Verdi) a TPI: “Scudo penale? Non c’è in nessun altro Paese d’Europa. In 7 anni nessun governo ha fatto nulla”