Me
HomePolitica

Luigi Di Maio è il nuovo ministro degli Esteri del governo Pd-M5S

L'ex vicepremier e ministro allo Sviluppo economico e del Lavoro passa alla Farnesina

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 4 Set. 2019 alle 15:50 Aggiornato il 5 Set. 2019 alle 09:09
Immagine di copertina
Luigi Di Maio, ministro degli Esteri

Luigi Di Maio è il nuovo ministro degli Esteri del governo Pd-M5S

Luigi Di Maio è il nuovo ministro degli Esteri del governo Conte bus. L’ex vicepremier va alla Farnesina. Oggi, 4 settembre, Giuseppe Conte, presidente del Consiglio incaricato, ha presentato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella la lista completa dei ministri.

Conte va al Quirinale per sciogliere la riserva | Diretta live

Il suo nome negli ultimi giorni è stato in bilico per diversi incarichi, dopo il lungo braccio di ferro “fallito” con il Pd per ottenere il ruolo di vicepremier. Si era detto che puntasse al Ministero degli Interni, e ed era quotato anche per il ministero della Difesa. Negli ultimi giorni le voci che lo vedevano agli Esteri si sono fatte sempre più intense, fino all’ufficiale conferma di questo pomeriggio.

Di Maio dunque prende il posto di Enzo Moavero Milanesi, montiano della prima ora.

Il ministro degli Esteri del governo Pd-M5s

Il nuovo ministro degli Esteri Luigi Di Maio è il capo politico del Movimento Cinque Stelle, vicepresidente del Consiglio uscente e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico nel governo Lega-M5s. Ha compiuto 33 anni lo scorso 6 luglio ed è stato il secondo ministro più giovane della storia della Repubblica, dopo Giorgia Meloni, a cui fu assegnato il dicastero delle Politiche giovanili nel 2008. È nato ad Avellino il 6 luglio 1986, ma ha sempre vissuto a Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli.

Per qualche mese ha frequentato la facoltà di Ingegneria informatica, per poi passare a Giurisprudenza, all’Università Federico II di Napoli, senza però mai laurearsi. Nel 2007, a 21 anni, ha partecipato alla fondazione del Meetup di Beppe Grillo di Pomigiliano d’Arco. Nel 2010 si è candidato al Consiglio comunale di Pomigliano nella lista del Movimento Cinque Stelle, ottenendo 59 preferenze, senza essere eletto. È stato candidato alle elezioni politiche del 24-25 febbraio 2013.

Il 23 marzo 2013 è stato eletto con 173 voti vicepresidente della Camera. Nel settembre 2017 si è candidato alle primarie per scegliere il candidato premier e capo politico del Movimento Cinque Stelle, risultando vittorioso con 30.936 preferenze, pari a circa l’82 per cento dei votanti. Dal primo giugno 2018 fino ad oggi è stato vicepresidente del Consiglio e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico.

Governo Pd-M5S, ultime notizie: oggi Conte al Quirinale con la lista dei ministri

Tanta ironia si è fatta sull’inglese zoppicante del neoministro degli Esteri. Qui un video del suo intervento all’università americana di Harvard:

Feltri ironizza su Di Maio: “Lui ministro degli Esteri? Bene, l’inglese non ha congiuntivo”