Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Governo, incontro tra Zingaretti e Salvini per garantire la “pace politica”

Il leader leghista: "Abbiamo parlato di lavoro e blocco dei licenziamenti"

Di Anna Ditta
Pubblicato il 16 Feb. 2021 alle 09:09
143
Immagine di copertina
Nicola Zingaretti e Matteo Salvini, leader rispettivamente di Pd e Lega

Dalla polemica sullo stop degli impianti sciistici alle critiche al commissario all’emergenza Covid Arcuri: tra la Lega e le forze della vecchia maggioranza (Pd-M5S-Iv-Leu) gli scontri non si sono fermati neanche dopo il giuramento del nuovo governo guidato da Mario Draghi. Ma ieri la “tregua” chiesta dal premier alle forze politiche ha iniziato a produrre qualche effetto: si è tenuto infatti il primo faccia a faccia tra il segretario del Pd Nicola Zingaretti e il leader della Lega Matteo Salvini.

L’incontro sarebbe durato circa mezz’ora. “Abbiamo parlato di lavoro, del blocco dei licenziamenti il 31 marzo, prevenire è meglio che curare”, ha ammesso Salvini a un cronista del Fatto quotidiano al termine del colloquio, anticipando l’intenzione di sentire anche i rappresentanti di Cinque stelle, Forza Italia e Italia Viva “perché dobbiamo lavorare insieme” (qui le ultime notizie sul governo).

“Dobbiamo garantire al Paese la pace sociale e al presidente del Consiglio una pace politica”, ha dichiarato Salvini secondo quanto riporta il Corriere. La linea, per consentire il dialogo chiesto dal premier, è quella di lasciare fuori dalla discussione i temi più divisivi, su cui non è possibile trovare un accordo, affrontando solo le questioni di massima priorità per il Paese: salute, economia, lavoro, scuola.

L’incontro, fanno sapere le fonti della Lega citate da Repubblica, si è svolto “in un clima sereno e collaborativo” e “testimonia la buona volontà del partito di andare sul concreto e il suo desiderio di lavorare, di trovare punti di contatto, per risolvere i problemi, a partire da quello del lavoro”.

Leggi anche: 1. Fratoianni invita Zingaretti e il M5S a costruire l’alleanza per le amministrative: “Lavoriamo da domani” 2. Se nel Pd le donne contano davvero, adesso un ministro uomo deve dimettersi e lasciare il posto a una collega (di Luca Telese) / 3. Donne del PD, ora basta: sfondiamo le porte che altrimenti resteranno chiuse (di Monica Cirinnà) /

4. Quella sinistra che dice No a Draghi: così l’opposizione non è un’esclusiva di Giorgia Meloni (di Giulio Cavalli) 5Nadia Urbinati a TPI: “La reputazione di Draghi è un passaporto, ma in Parlamento non basterà” 5. La maggioranza Draghi è solo emergenziale: il futuro del Pd è nell’alleanza con M5S e Leu (di E. Montino)

143
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.