Me

Elezioni europee Germania 2019 | I risultati in tempo reale

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 26 Mag. 2019 alle 18:47 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:00
Immagine di copertina
Credit: AFP

Elezioni europee Germania 2019 risultati | Risultato voto

Elezioni europee Germania 2019 risultati – I cittadini della Germania hanno eletto 96 europarlamentari su 751. Sono circa 65 milioni i cittadini chiamati ad esprimere il proprio voto: 61 milioni sono tedeschi, mentre gli altri 4 milioni sono elettori che vengono da altri Stati dell’Unione.

Nel tardo pomeriggio di domenica 26 maggio, alla chiusura dei seggi, sono usciti gli exit poll. Il partito di Angela Merkel è in testa, seguito dai Verdi. Qui tutti i dettagli sugli exit poll in Germania.

> Se non visualizzi tutti gli ultimi aggiornamenti clicca qui

I cittadini comunitari che hanno la residenza in Germania da almeno tre mesi e che hanno già compiuto 18 anni hanno infatti diritto di voto.

I dati disponibili finora – I risultati ufficiali delle elezioni sono attesi per domenica 26 maggio nella notte.

I temi – Temi centrali nella campagna elettorale sono stati l’ambiente con particolare riferimento ai vincoli da adottare a livello tanto comunitario quanto nazionale; l’immigrazione e la ripartizione dei migranti tra i paesi dell’Ue; la creazione di un esercito dell’Unione europea, progetto a cui Germania e Francia tengono particolarmente.

Elezioni europee Germania 2019 risultati | I partiti

I partiti che si sono presentati alle elezioni europee del 2019 sono in tutto 41, ma non tutti hanno ottenuto un posto nell’Europarlamento.

I partiti principali – I più importanti partiti del paese sono la CDU/CSU, i Socialdemocratici, i Verdi, l’Alternative für Deutschland, i liberali dell’FDP e la Sinistra radicale.

Elezioni europee Germania risultati | I sondaggi 

I sondaggi pubblicati alla vigilia del voto davano al primo posto CDU/CSU con il 30 per cento dei voti, seguiti dai Verdi che secondo le previsioni dovrebbero raddoppiare le preferenze rispetto alle ultime elezioni europee, ottenendo il 18 per cento.

Al terzo posto sono invece attesi i Socialdemocratici.

I risultati nel 2014

Alle elezioni del 2014 la CDU/CSU era in testa con 32 seggi e il 35 per cento delle preferenze, seguito da SPD con 27 eurodeputati al 27 per cento; i Verdi con 11 seggi all’11 per cento; la Sinistra con 7 seggi e il 7 per cento delle preferenze; sempre 7 erano gli eurodeputati di Afp.

Elezioni europee Germania risultati | Weber 

Candidato di maggiore spicco nel panorama tedesco è Manfred Weber, che è stato scelto dal Partito popolare europeo (Ppe) come pretendente per la carica di presidente della Commissione europea alle elezioni del 2019, che stabiliranno chi prenderà il posto di Jean-Claude Juncker.

Weber, secondo la procedura del candidato principale, dovrebbe essere eletto presidente qualora il suo partito dovesse ottenere più seggi alle elezioni al Parlamento europeo. (Qui abbiamo spiegato quali sono al momento le ultime proiezioni dei seggi al parlamento Ue).

Elezioni europee Germania | La CDU

Le elezioni europee sono un banco di prova per la nuova leader della CDU, il partito cristiano-democratico guidato fino a pochi mesi fa dalla cancelliera Angela Merkel.

Da dicembre del 2018 la leadership del partito è passata nelle mani di Annegret Kramp-Karrenbauer: 55 anni, è una politica di lunga esperienza, ex governatrice della Saar e considerata molto vicina alla cancelliera.

Sotto la sua direzione il partito ha segnato una netta svolta a destra al partito: un’inversione di marcia rispetto alla linea moderata e liberale di Angela Merkel. La Kramp-Karrenbauer di recente ha anche scatenato diverse polemiche a causa di alcune frasi contro i transgender.

La sostituta di Angela Merkel li ha definiti: “maschi che bevono il latte macchiato e che non sanno ancora se devono stare in piedi o sedersi quando fanno la pipì”.

Elezioni europee Germania | I Verdi

La vera sorpresa delle elezioni del 2019, secondo le previsioni, dovrebbero essere i Verdi guidati da Franziska Keller.

I sondaggi infatti danno gli ecologisti intorno al 18 per cento, il doppio rispetto alle precedenti elezioni europee: questo dato permetterebbe ai Verdi di superare la CSU come seconda forza del paese.

La leader del partito, conosciuta da tutti come Ska, è diventata in poco tempo una delle figure più importanti della direzione federale dei Giovani Verdi tedeschi, ma è stata anche la portavoce dei Giovani Verdi europei, presidente del nuovo partito Alleanza 90/Verdi nel Brandeburgo, suo luogo di nascita.

Ska Keller è, insieme a Bas Eickhout, una dei due candidati principali del partito europeo dei Verdi.

Spitzenkandidat: come si sceglie il presidente della Commissione europea? La procedura del “candidato principale”

L’elettorato dei Verdi è formato dai giovani, vive principalmente nelle città ed è quello maggiormente sensibile al tema del cambiamento climatico. In Germania gli ecologisti partono comunque da una posizione di vantaggio rispetto ai loro omologhi europei: i Verdi infatti possono vantare una forte presenza nei governi regionali. Gli ecologisti attualmente hanno loro rappresentanti in 8 land su 10.

Elezioni europee Germania | AfD

Ad aumentare il numero di preferenze rispetto alle elezioni europee del 2014 è anche il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (Alternative für Deutschland, abbreviato AfD).

Alla guida del movimento c’è Joerg Meuthen, alleato di Matteo Salvini in Europa. AfD è uno dei membri del gruppo rinominato Europa delle Nazioni e della Libertà, di cui fanno parte: Marine Le Pen, con il suo partito Rassemblement National;  il Partito per la Libertà dell’Olanda; il Partito del Popolo Danese; il Partito dei Veri Finlandesi; Partito della Libertà Austriaco (FPÖ); Interesse Fiammingo; la Lega di Matteo Salvini.

Qui una serie di link utili sulle elezioni europee 2019:

• Quando si vota in Italia

• Come si vota: la guida al voto

• Quali sono i documenti da portare al seggio

• Chi sono i candidati di ogni partito

• Cosa dicono gli ultimi sondaggi elettorali

• Quali sono i gruppi politici del Parlamento Ue