Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Chi è Manfred Weber, il candidato del Partito popolare europeo per la presidenza della Commissione Ue

Immagine di copertina
Manfred Weber

Il tedesco Manfred Weber è stato scelto dal Partito popolare europeo (Ppe) come candidato per la presidenza della Commissione europea alle elezioni del 2019, che stabiliranno chi prenderà il posto di Jean-Claude Juncker.

Weber, secondo la procedura del candidato principale, dovrebbe essere eletto presidente qualora il suo partito dovesse ottenere più seggi alle elezioni al Parlamento europeo. (Qui abbiamo spiegato quali sono al momento le ultime proiezioni dei seggi al parlamento Ue).

Secondo il meccanismo dello Spitzenkandidat, infatti il partito europeo che avrà ottenuto più seggi avrà anche il diritto di indicare il presidente della Commissione.

Il profilo – Classe 1972, è membro del Parlamento europeo per  Baviera con l’Unione Cristiano Sociale (CSU) ed è il capogruppo del Partito popolare europeo.

Laureato in ingegneria nel 1996 al politecnico di Monaco, ha iniziato la sua carriera politica nel 2002 diventando membro del Parlamento del Land della Baviera e lavorando nel consiglio distrettuale di Kelheim.

Il 5 novembre ha annunciato la sua candidatura per presidenza della Commissione Ue all’interno del Ppe via Twitter.

Weber era dato per favorito già nei giorni scorsi grazie al sostegno ricevuto dalla cancelliera Angela Merkel, oltre che da Forza Italia e dal premier ungherese Viktor Orban.

Ha sconfitto il suo avversario finlandese, Alexander Stubb, aggiudicandosi 492 dei 619 voti espressi dai delegati al Congresso del Ppe.

Il moderato Stubb, che ha perso la corsa come candidato del Ppe, aveva più volte sottolineato che non aveva intenzione di allearsi con i partiti populisti presenti in Ue come Orban o Salvini, non condividendo “i discorsi di odio che inneggiano alla paura”dei due leader.

Ppe – Il Partito popolare europeo è il gruppo più numeroso tra quelli presenti nel Parlamento europeo e tra i suoi membri conta 11 dei 28 capi di Stato o di governo che compongono il Consiglio europeo.

Tra le personalità più importanti aderenti al Ppe ci sono l’attuale presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.

Pse – Il 5 novembre 2018 il Partito socialista europeo ha eletto come suo candidato alle elezioni di presidente della Commissione l’olandese Frans Timmermans. (qui il suo profilo)

Ti potrebbe interessare
Politica / Franco Di Mare in Vigilanza: "Da Fedez c'è stata manipolazione"
Politica / Salvini difende Renzi: "Polemica inesistente, io ho visto decine di agenti segreti"
Politica / Il ritorno di Gallera: nominato presidente della Commissione bilancio
Ti potrebbe interessare
Politica / Franco Di Mare in Vigilanza: "Da Fedez c'è stata manipolazione"
Politica / Salvini difende Renzi: "Polemica inesistente, io ho visto decine di agenti segreti"
Politica / Il ritorno di Gallera: nominato presidente della Commissione bilancio
Opinioni / Caro Conte, anche tu hai tenuto i porti chiusi (di G. Cavalli)
Politica / Il ritorno dei giallorossi: Pd e M5S uniti contro la Lega sul Ddl Zan
Politica / Nomine Rai, Draghi pronto a intervenire se i partiti non sceglieranno figure all’altezza
Politica / Renzi: "Punti oscuri nella storia di Report"
Politica / Qui Radio Colle, Quirinale irritato coi partiti: la riforma della magistratura tocca a loro
Politica / Draghi: "È ora di prenotare le vacanze. Da metà maggio green pass per viaggiare in Italia"
Politica / Letta vede Draghi e attacca la Lega. Salvini: "Mi spiace per lui, vive male"