Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Conte chiude la Lombardia senza una motivazione valida”. Ma è Fontana a non essere più credibile

Immagine di copertina

In Lombardia nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 7.758 nuovi contagi da Covid-19 su 43.716 tamponi effettuati. Da ieri sono stati registrati 96 morti. Da febbraio, stando ai dati ufficiali, sono 17.848 i cittadini deceduti ufficialmente per Covid-19 nella sola Lombardia. Il totale dei pazienti in terapia intensiva negli ospedali lombardi rappresenta un quarto di quelli di tutta Italia. Il rapporto nuovi positivi/tamponi in Lombardia è del 17,7%, dopo aver toccato il 21% due giorni fa. Eppure per il governatore della Lombardia Attilio Fontana non ci sono “motivazioni valide e credibili” per rendere la regione zona rossa.

Il presidente lombardo non accetta la decisione annunciata dal premier Conte che vede la Lombardia come una delle 4 regioni inserite in fascia rossa. “Comunicare ai lombardi e alla Lombardia, all’ora di cena, che la nostra regione è relegata in fascia rossa senza una motivazione valida e credibile non solo è grave, ma inaccettabile”, afferma e insiste: “A rendere ancor più incomprensibile questa decisione del Governo sono i dati attraverso i quali viene adottata: informazioni vecchie di dieci giorni che non tengono conto dell’attuale situazione epidemiologica”, ha proseguito il presidente della regione. “Le richieste formulate dalla Regione Lombardia, ieri e oggi, dunque – ha concluso Fontana – non sono state neppure prese in considerazione. Uno schiaffo in faccia alla Lombardia e a tutti i lombardi. Un modo di comportarsi che la mia gente non merita”.

Ma cosa meritano i lombardi? Certamente le misure previste per la zona rossa sono molto restrittive, ma sono necessarie e non più prorogabili. Nessuno vuole che un territorio che ha già sofferto così tanto nei mesi passati si ritrovi in quelle condizioni di emergenza che hanno dato a tante province lombarde tristi primati.

In questo contesto è opportuno ricordare le tragiche conseguenze della mancata chiusura di Alzano e Nembro in Val Seriana. Ed è altrettanto opportuno ricordare che attualmente nelle province lombarde i numeri dei contagi sono: 3.613 in provincia di Milano; a Varese 607 i nuovi positivi. Sono 898 i nuovi positivi nella provincia di Monza e Brianza, 587 in provincia di Brescia, 457 in quella di Como e 314 a Pavia. La provincia di Bergamo ha registrato 240 nuovi contagi, mentre sono 230 quelli a Lecco, 129 nella provincia di Lodi, 152 in quella di Cremona, 135 nella provincia di Sondrio e 188 a Mantova.

Ma a preoccupare in Lombardia è anche il numero crescente dei pazienti ricoverati in ospedale e in terapia intensiva. Con l’aumentare dei contagi aumentano infatti cresce anche la pressione sugli ospedali della rete regionale. Nelle ultime 24 ore il numero dei ricoveri in ospedale è salito di 278 unità, portando il totale a 5.018 (ieri erano 4.740), mentre 32 sono i nuovi pazienti assistiti in terapia intensiva, che raggiungono dunque la cifra di 507 unità. Cresce per fortuna in maniera considerevole anche il numero dei guariti/dimessi, ora arrivato a 101.610: sono 1.495 le persone che sono riuscite a superare la malattia nelle ultime 24 ore.

Qui la ricostruzione completa dell’inchiesta di TPI sulla mancata Zona Rossa ad Alzano Lombardo e Nembro.

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”