Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Stupro in Circumvesuviana: rilasciato uno dei ragazzi

Di Marco Nepi
Pubblicato il 22 Mar. 2019 alle 14:34 Aggiornato il 22 Mar. 2019 alle 14:37
0
Immagine di copertina

Il 22 marzo 2019  è stato scarcerato uno dei tre ragazzi accusato di violenza sessuale di gruppo per aver violentato martedì 5 marzo una  ragazza di 24 anni  nell’ascensore della stazione di San Giorgio a Cremano della Circumvesuviana.

Il tribunale del Riesame ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di  Alessandro Sbrescia, 18 anni, accogliendo l’stanza presentata dagli avvocati Eduardo Izzo e Giuseppe Rendina. I legali hanno fatto leva sulla mancanza di gravi indizi di colpevolezza.

Il 9 marzo i tre presunti aggressori, che hanno da poco raggiunto la maggiore età, erano stati fermati con l’accusa di violenza sessuale di gruppo.

I ragazzi, interrogati dal magistrato, hanno fornito la stessa versione dei fatti, affermando che si sia trattato di rapporti sessuali consenzienti e non estorti con la violenza.

La vicenda – Il 4 marzo una ragazza di 24 anni è stata violentata da tre ragazzi nella stazione della ferrovia Circumvesuviana di S. Giorgio a Cremano in provincia di Napoli.

Le telecamere di sorveglianza e il racconto della ragazza hanno permesso di individuare gli aggressori: uno di loro era un volto noto per la vittima.

La 24enne, nel denunciare l’accaduto, avrebbe infatti spiegato di conoscere indirettamente qualcuno dei suoi aggressori e il suo racconto è stato vagliato dagli investigatori.

Il gip Valeria Montesarchio in seguito ha accolto la richiesta di convalida degli arresti dei tre indagati perché ha ritenuto la versione della ragazza “credibile” e “attendibile”, per altro riscontrata anche dalla “bestiale violenza subita da quella ragazza”.

La ragazza, originaria di Portici, è stata soccorsa e trasportata all’Ospedale Villa Betania dagli agenti del commissariato a San Giorgio a Cremano, allertati da una chiamata anonima ricevuta intorno alle 18.  I militati hanno trovato la 24enne in un angolo della stazione evidentemente sotto shock e con gli abiti lacerati.

Secondo il racconto della giovane, al momento della violenza, intorno alle 18, c’era molta gente nella stazione.

>>“Da venti giorni ero la loro preda”, il racconto della 24enne violentata nella stazione Circumvesuviana

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.