Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Dire No alle trivelle costerebbe allo Stato quanto il reddito di cittadinanza

Immagine di copertina

Il caso trivelle non sta solo dividendo la maggioranza di governo, ma rischia anche di trasformarsi in un ingente danno economico per il paese.

Con l’approvazione del decreto Semplificazioni (passato all’esame delle Camere) entrerà infatti in vigore un emendamento che interviene proprio sule trivelle e che, pur salvando le concessioni esistenti, prevede una moratoria di 18 mesi sui nuovi piani di ricerca.

La sospensione potrebbe estendersi per due anni, causando un danno alle aziende che hanno investito nella ricerca di idrocarburi nelle acque italiane a causa del ritardo. Le stesse imprese tra l’altro rischiano di perdere del tutto la concessione.

In molti hanno già promesso di avviare delle cause legali contro il Ministero dello sviluppo economico sulla base del danno emergente e del lucro cessante. Gli investitori quindi potrebbero chiedere il pagamento dei danni derivanti dalla perdita legata agli investimenti e alle spese già sostenute, così come la mancata realizzazione dei profitti derivanti dallo sfruttamento degli eventuali giacimenti scoperti.

Le aziende hanno previsto dei danni emergenti molto più alti di quelli stimati dal governo sulla base di prezzi non più aggiornati e lo stesso vale per il lucro cessante se si scoprisse che i giacimenti bloccati hanno riserve di gas più rilevanti di quanto si pensava.

Ad oggi, il Ministero stima di dover pagare un massimo di 470 milioni di euro alle aziende per i danni emergenti, ma secondo quanto spiegato da La Stampa  il conto potrebbe essere più alto, tanto da raggiungere “l’equivalente dei fondi previsti per il reddito di cittadinanza“.

Nella ricerca di giacimenti nelle acque italiane hanno investito molte grandi compagnie, come Eni, Shell, Total, Edison, Global Med, Delta e AleAnna, le britanniche Rockhopper, Northern Petroleum e Sound Energy, l’australiana Po Valley, senza considerare quelle più piccole che si occupano delle ricerche per poi vendere i diritti alle compagnie più grandi.

Leggi anche: “L’emendamento blocca trivelle? Inutile. Si continuerà a perforare il nostro mare”, il Coordinamento No Triv a TPI

Leggi  anche: “Gli ambientalisti bestemmiano: stiamo perdendo miliardi di euro di investimenti”, il professore pro trivelle a TPI

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI