Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Che cosa sono le trivelle e perché se ne parla

Immagine di copertina

Lega e Movimento 5 Stelle hanno raggiunto un accordo, giovedì 24 gennaio, sulle trivellazioni in mare. Il punto di svolta, che prevede lo stop per 18 mesi della ricerca di idrocarburi in mare e un aumento dei canoni pari a 25 volte, è stato raggiunto dopo giorni di tensioni nella maggioranza e dopo le minacce di dimissioni del ministro dell’Ambiente Costa.

Le trivelle sono da tempo al centro del dibattito politico e delle discussioni sulla tutela delle risorse naturali. Nel 2016 si è tenuto un referendum abrogativo che le riguardava ma che non ha raggiunto il quorum, solo il 31 per cento della popolazione è andato a votare. Alle urne il voto riguardava l’ammissione o meno della norma che permetteva alle imprese, che avevano la concessione entro 12 miglia dalla cosa, di continuare con le estrazioni di idrocarburi fino al loro esaurimento.

Che cosa sono le trivelle. Per trivelle si intendono piattaforme petrolifere, vale a dire strutture installate in aree marine in cui sono presenti giacimenti di idrocarburi. Sono dotate di una o più torri per la perforazione di pozzi petroliferi.

Si dividono in piattaforme di produzione, ancorate al fondale marino, e in piattaforme di perforazione, che sono invece mobili. Le prime si trovano in prossimità dei pozzi petroliferi e, grazie alla loro struttura, riescono a lavorare anche quando le condizioni atmosferiche non sono favorevoli. Le seconde sono più piccole e in grado di spostarsi.

La torre di perforazione è la parte più visibile delle trivelle e può superare i sessanta metri di altezza. Dopo l’estrazione, il petrolio risale la condotta grazie alla pressione dell’acqua e dal gas presenti nel giacimento.

Le attività di perforazione hanno avuto inizio negli anni Trenta del Novecento nel golfo del Messico ma il loro utilizzo è aumentato negli anni Settanta. Negli anni Novanta le attività si sono spostate sui giacimenti di idrocarburi nei mari più profondi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI