Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Michele Serra in difesa dei botti di capodanno: “Troppo belli per vietarli”

Immagine di copertina
Il giornalista Michele Serra

Il giornalista si schiera contro le ordinanze di diversi sindaci che hanno tentato, con scarso successo, di limitare fuochi e petardi nella notte tra 2018 e 2019

Michele Serra nella sua rubrica “Amaca” del2 gennaio 2019 si schiera in favore dei botti di capodanno e contro i divieti emanati dai sindaci di diverse città italiane. I fuochi che celebrano l’arrivo del nuovo anno, riflette il giornalista di Repubblica, “sono troppo belli e troppo palpitanti”  e”non possono essere cancellati”.

Nonostante le ordinanze di divieto, il 2019 si è aperto con un bilancio di centinaia di feriti, alcuni dei quali anche molto gravi, a causa dei botti.

“Si capisce che non si dovrebbe fare, si spaventano gli animali, si feriscono gli umani, qualcuno perde una mano, qualcuno un occhio”, scrive Michele Serra. “Si capisce che è puerile, che è tribale, che c’è un movente arcaico, in tutto quel pandemonio, uno scongiuro decrepito, un impulso che parte dal settore primitivo del cervello, non c’è nessun bisogno di un fracasso del genere per aprire la porta che separa l’anno nuovo da quello vecchio”.

Eppure, si legge nell’articolo, senza scomodare Napoli o Venezia “basta, da un terrazzino molto alto, vedere Milano, nei primi dieci secondi del duemiladiciannove, che d’un colpo avvampa e sputa fuoco, in sincronia perfetta”.

Serra constata che “i fuochi rituali che scandiscono da centinaia di generazioni il tempo terrestre, ci saranno anche l’anno prossimo, e gli altri ancora”.

E allora, conclude: “Che siano legali, per carità, fatti ad arte e usati con cautela. Ma evitarli o dimenticarli è semplicemente impossibile, sono troppo belli e troppo palpitanti. Come molte altre delle nostre pulsioni, non possono essere cancellate. Solamente governate. Buon anno a tutti!”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI