Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

La lettera della ragazza stuprata in Circumvesuviana: “Il mio corpo era diventato uno scarto”

Scarcerati i tre ragazzi sospettati dello stupro. La 24enne che sarebbe stata violentata in un ascensore della stazione di San Giorgio a Cremano ha scritto una lettera

Di Anna Ditta
Pubblicato il 30 Mar. 2019 alle 09:27 Aggiornato il 4 Apr. 2019 alle 17:03
0
Immagine di copertina
Credit: Cesare Abbate

Il 4 aprile 2019 il Tribunale del riesame ha dichiarato che l’episodio della Circumvesuviana non fu stupro. I giudici hanno infatti scarcerato anche il terzo indagato, Raffaele Borrelli. I giorni scorsi erano tornati in libertà gli altri due presunti aggressori Alessandro Sbrescia e Antonio Cozzolino.

La 24enne nello studio del suo legale, Maurizio Capozzo, aveva scritto una lettera rivolta a chi non ha creduto al suo racconto.

“Bastano pochi minuti e ritorno col pensiero”, scrive la ragazza. “Erano attimi di incapacità a reagire di fronte la brutalità e la supremazia di tre corpi. Erano attimi in cui la mente sembrava come incapace di comprendere, di totale perdizione dell’essere. E dopo che il corpo era diventato scarto e oggetto, ho provato una sorta di distacco da esso. Il mio corpo, sede della mia anima, così sporco”.

“Mi sembrava di essere avvolta dalla nebbia mentre mi trascinavo su quella panchina dopo quelli che saranno stati 7 o 8 minuti”, prosegue la ragazza, che è stata soccorsa dai viaggiatori mentre era su una panchina della stazione, piangeva e raccontava alla madre al telefono della violenza.

“Mi sono seduta e non l’ho avvertito più. Ho cominciato ad odiarlo e poi a provare una profonda compassione per il mio essere. Compassione che ancora oggi mi accompagna, unita ad una sensazione di rabbia impotente, unita al rammarico, allo sdegno, allo sporco, al rifiuto e poi all’accettazione di un corpo che fatico a riconoscere perché calpestato nella sua purezza”.

La perizia medica a cui è stata sottoposta la ragazza ha rilevato l’assenza totale di consensualità e ha quindi confermato la violenza sessuale.

“Se avessi saputo tutto questo non avrei denunciato”, è il pensiero della ragazza. “Sono stata interrogata per ore dalla polizia, dai magistrati e dagli psicologi. Ho cercato di dare il massimo contributo, e a che è servito? A niente. Pensano che sia colpa mia”.

Dopo la scarcerazione di due dei responsabili dice di provare “tanta delusione. Sono triste, amareggiata, soprattutto perché proprio non riesco a comprendere come sia possibile prendere una decisione del genere. Mi fa solo pensare che non sono stata creduta nel mio racconto, che le mie parole non hanno avuto peso. Hanno creduto a loro tre e non a me”.

La lettera della ragazza si chiude comunque con un filo di speranza. “Il futuro diviene una sorta di clessidra”, scrive. “Consumato il corpo e la mente dal tempo odierno ricerca una vita semplice. Mi piacerebbe essere a capo di un’associazione che si occupa della prevenzione, della tutela e della salvaguardia delle donne, ragazze, bambine a rischio, perché donare se stessi e il proprio vissuto per gli altri è l’unico modo per accettarlo”.

>> Stupri Napoli e Catania: “Ecco cosa scatta nella mente degli stupratori e come i media alimentano la ferocia”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.