Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Parlamentari 5 Stelle in rivolta contro Di Maio: “Grillo deve cacciarlo, ci sta rovinando”

Immagine di copertina
Beppe Grillo e Luigi Di Maio

Terremoto in casa Cinque Stelle. Dopo la debacle alle elezioni regionali in Sardegna, con il candidato pentastellato Francesco Desogus che ha raccolto un risicato 11 per cento, ora sono in tanti nel Movimento a chiedere la testa di Luigi Di Maio.

Al capo politico del Movimento viene rimproverata una gestione scellerata di questa prima fase di governo con la Lega. Il partito sta implodendo, perde consensi a ogni tornata elettorale.

Nel frattempo, l’alleato di governo si rafforza giorno dopo giorno. Salvini sta cannibalizzando Di Maio e il Movimento tutto, e molti parlamentari grillini avrebbero ormai superato il limite di sopportazione.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, diversi esponenti pentastellati avrebbero chiesto a Beppe Grillo di sfiduciare Di Maio. Una possibilità prevista dallo statuto M5s per il garante del Movimento.

Grillo, peraltro, da tempo è poco in sintonia con Di Maio sulle principali scelte politiche. Solo pochi giorni fa, durante un pranzo a tre con il ministro del Lavoro e Davide Casaleggio, il fondatore del M5s avrebbe chiesto a Di Maio di staccare la spina al governo.

“Così non si può andare avanti, tradisci Salvini e facciamo cadere l’esecutivo”, sarebbe stato il senso delle parole di Grillo, secondo i retroscena riportati da diversi quotidiani.

Di Maio però non ha intenzione, al moment,o di seguire questo consiglio, ed ecco allora che monta nel Movimento il pressing su Grillo affinché, con un atto d’imperio, ponga fine alla leadership del ministro del Lavoro.

Per il Corriere la tensione tra pro e contro Di Maio è forte: “Luigi deve fare un passo indietro, dicono i detrattori. Ma alcuni fedelissimi dell’ala governista sono pronti a fare quadrato: ‘Stiamo parlando di un leader che ha preso il 32% un anno fa: era logico che andando al governo e facendo dei compromessi ci sarebbe stata una flessione e crediamo che anche Beppe lo sappia’”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI