Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Grillo non ne può più, ha chiesto a Di Maio di tradire Salvini e far cadere il governo”

Immagine di copertina
Luigi Di Maio e Beppe Grillo

GRILLO DI MAIO GOVERNO – Ora Beppe Grillo ha perso davvero le staffe. Il fondatore del Movimento Cinque Stelle sarebbe al colmo dell’inquietudine e, visti i pessimi risultati alle elezioni in Abruzzo e i sondaggi in picchiata, avrebbe chiesto a Di Maio di staccare la spina al governo.

A riportare il retroscena è il sito Dagospia. La richiesta sarebbe stata formulata durante un pranzo tra lo stesso Grillo, Di Maio e Davide Casaleggio.

Grillo teme che il Movimento possa scendere sotto il 20 per cento alle elezioni europee, ed è stufo della “cannibalizzazione” dei pentastellati ad opera della Lega, che detta l’agenda di governo e continua a crescere nei sondaggi.

La soluzione prospettata, quindi, sarebbe quella di porre fine all’esperienza del governo gialloverde. Difficile che Di Maio possa ascoltare un suggerimento di questo tipo.

Resta vero, però, che il Movimento sta registrando una grave perdita di consensi, e che finora l’esecutivo con la Lega sembra aver giovato soltanto al partito di Matteo Salvini.

Nell’articolo di Dagospia vengono svelati anche altri dettagli sul pranzo a tre Grillo-Di Maio-Casaleggio.

Un tema spinoso è quello del limite di due mandati. Una norma che i Cinque Stelle hanno sempre giudicato non violabile, ma che costringerebbe Di Maio e altri big a non potersi candidare alle prossime elezioni.

Sono già previste però alcune deroghe: ad esempio, non verrà incluso nel computo dei mandati quello da sindaco o presidente di Regione (idem per consiglieri comunali e regionali).

Virginia Raggi e Chiara Appendino, quindi, per quanto riguarda il parlamento è come se fossero ancora a zero mandati. Finita ‘esperienza da sindaco, potrebbero candidarsi per la Camera o per il Senato.

Diversa la questione per Di Maio, già al secondo mandato in parlamento. In teoria non potrebbe ricandidarsi. Anche per questo è difficile che sia ricettivo a una richiesta come quella di far cadere il governo con la Lega.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI