Codice della strada, novità in arrivo: 1.700 euro di multa per chi guida con lo smartphone e scooter 125 in autostrada

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 2 Apr. 2019 alle 10:16 Aggiornato il 2 Apr. 2019 alle 10:17
0
Immagine di copertina

Prosegue in Commissione Trasporti la discussione sulla riforma del Codice della Strada: il nuovo testo, redatto dalla maggioranza di governo, all’inizio della prossima settimana verrà presentato a tutti i gruppi parlamentari, mentre a inizio maggio dovrebbe arrivare alla Camera. Si tratta dunque ancora di una bozza, che può essere soggetta a nuove modifiche.

Ma intanto quali sono le ultime novità sul Codice della Strada? Due i grandi temi: le sanzioni per chi usa lo smartphone alla guida, che sono state tuttavia alleggerite nel corso della discussione, e la possibilità per gli scooter 125 di circolare in autostrada e nelle tangenziali.

La discussione, invece, è arenata sul limite di velocità nelle autostrade su tre corsie: la Lega vorrebbe innalzarlo a 150 km/h, il Movimento Cinque Stelle invece non è d’accordo. Allo stesso modo, è stata eliminata la norma che vietava il fumo alla guida.

Codice strada novità | Scooter 125 in autostrada

Come già annunciato, le intenzioni del governo giallo-verde sono quelle di permettere ai motocicli di 125cc di circolare in autostrada e in tangenziale, che fino a oggi erano appannaggio dei soli mezzi 150cc e superiori. Alla guida, tuttavia, devono esserci solo conducenti maggiorenni.

Anche l’Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale ha manifestato il suo consenso, anche se con alcune riserve: “Possiamo essere d’accordo, ma va posta grande attenzione al fatto che si troverebbero a viaggiare sulla destra dove ci sono i pullman e alcuni mezzi pesanti che viaggiano tra gli 80 e 100 km/h. Un eventuale sorpasso ad opera del mezzo pesante può essere molto pericoloso”.

Le ultime novità su multe e autovelox

Codice strada novità | Smartphone alla guida

Rispetto alla discussione delle scorse settimane, il governo ha previsto un alleggerimento delle sanzioni per coloro che vengono sorpresi a utilizzare lo smartphone alla guida.

Secondo l’ultima stesura, la norma prevede la sospensione della patente da 7 a 30 giorni alla prima violazione (mentre in prima stesura si parlava di un periodo compreso tra i due e i sei mesi) e da uno a tre mesi nel caso di reiterazione. Le multe per i trasgressori, invece, oscillano da 422 a 1.697 euro.

Codice strada novità | Bici contromano

Tra le altre novità della riforma si era parlato della possibilità per le biciclette di andare contromano nei tratti urbani con limite di 30 km/h. Alla fine il governo ha deciso di passare la palla alle singole amministrazioni comunali, che decideranno quindi in autonomia se permetterlo o meno.

Allo stesso tempo, le amministrazioni locali sono invitate a inserire maggiori tutele per tutti coloro che girano sulle due ruote.

Codice strada novità | Limite di velocità

Come detto, invece, la maggioranza non ha ancora trovato un punto comune sull’aumento dei limiti di velocità sulle autostrade a tre corsie. La Lega vorrebbe portarli a 150 km/h, il M5s vorrebbe mantenere la situazione invariata.

Le due forze di governo, invece, sono d’accordo sull’idea di abbassare il limite su alcune strade extraurbane vicine ai grandi centri urbani. Due gli obiettivi: maggiore sicurezza e meno inquinamento.

Codice strada novità | Altre novità

Fa parte del testo – e questa è una novità assoluta per il nostro Codice della Strada – una norma sulla circolazione di monopattini, skateboard e hoverboard elettrici in strada.

Altri provvedimenti inclusi: strisce rosa per i parcheggi riservati alle donne incinte e gratuiti per i disabili, sanzioni più aspre per chi circola senza assicurazione, abolizione della tassa di possesso per veicoli storici e obbligo degli anabbaglianti di giorno per le auto fuori dai centri abitati.

La polizia, inoltre, avrà un potere in più: in ogni occasione potrà sottoporre un automobilista al test anti-droga, anche che ci siano manifesti segnali di alterazione.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.